Inquinamento nell’area venafrana, i dubbi del consigliere Scarabeo: “La Regione non abbassi la guardia”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’intervento alla luce di alcune indiscrezioni stampa circa il funzionamento del termovalorizzatore di San Vittore, sito a poca distanza dal Molise



VENAFRO. Organi di stampa hanno sollevato dubbi, negli ultimi giorni, sul termovalorizzatore di San Vittore. Un impianto da 397.200 tonnellate di combustibile da rifiuti bruciati ogni anno per produrre energia elettrica, le cui emissioni, stando all’Acea, proprietaria dell’impianto, rientrerebbero nei parametri di legge.
Sull’argomento, stante la vicinanza con l’area venafrana, è intervenuto il consigliere regionale Massimiliano Scarabeo, il quale si dice preoccupato e pertanto chiama in causa il governatore Toma affinché attivi, se necessario, ogni azioni utile a scongiurare ulteriori problemi di inquinamento nella zona e nel Molise in generale.

“Al di là di ogni iniziativa che Associazioni ambientaliste e istituzioni locali stanno portando avanti, - scrive Scarabeo in una nota - è lecito, a questo punto, preoccuparsi dell’impatto che potrà avere sull’ambiente e sul nostro territorio, dato che l’impianto è ubicato a breve distanza dalla Piana di Venafro e dalla Valle del Volturno. Inutile sottolineare che sul territorio venafrano, in particolare, da anni si combatte una difficile battaglia contro le problematiche legate all'inquinamento ambientale che pregiudicano la salute di chi è costretto a vivere quotidianamente in quest’area. Non vorremmo aggiungerci anche altre emergenze, seppure non direttamente correlate al nostro territorio! La Regione Molise, che si è impegnata ad affrontare la questione dell’inquinamento della nostra Area attraverso un contributo regionale per approfondire i dati dello studio epidemiologico pubblicati grazie all’intervento dell’Associazione ‘Mamme per la salute di Venafro’. Un impegno che rientra in un’azione politica molto più ampia che deve servire a portare avanti un programma serio per difendere l’ambiente in cui viviamo.

E’ inevitabile, perciò, - ancora Scarabeo - che la questione del termovalorizzatore di San Vittore, generi molta preoccupazione perché potrebbe contribuire ad aggravare ulteriormente una situazione di per se già complicata, aggravata dalla possibilità che le sue emissioni, possano contribuire all’aumento di ‘nanopolveri’, ritenute dannose per la salute.
Per questo, - conclude - chiederò al governatore del Molise di mettere in campo tutte le iniziative necessarie per tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini che vivono nella Piana di Venafro e nella Valle del Volturno, anche in ottica di quanto accade o potrebbe accadere all’inceneritore di San Vittore. Stiamo parlando del futuro di questa terra che deve andare oltre gli interessi economici, seppur legittimi, e dobbiamo farlo con compattezza di idee e di azioni”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings