Provinciali, colpo di scena: il Pd candida alla presidenza il sindaco di Portocannone Caporicci

Provinciali, colpo di scena: il Pd candida alla presidenza il sindaco di Portocannone Caporicci

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il centrosinistra avrà dunque una propria lista. Il centrodestra sta cercando di fare sintesi e presentare una candidatura unitaria, guidata da Francesco Roberti, più che da Alessandro Amoroso. Il M5s, invece, non parteciperà alle elezioni del 3 settembre


CAMPOBASSO. Provincia di Campobasso, il Partito democratico presenta un proprio candidato alla presidenza: il sindaco di Portocannone Giuseppe Caporicci. La notizia è stata ufficializzata alla vigilia della  scadenza del termine per la presentazione delle liste, domani 14 agosto alle 12, in vista del voto previsto per martedì 3 settembre.

Un’ipotesi, quella della candidatura in quota dem, alla quale si è cominciato a lavorare durante la riunione della Direzione regionale del partito, che si è riunita venerdì scorso a Campobasso. Con il nome di Caporicci avanzato insieme a quello del primo cittadino di Ferrazzano Antonio Cerio. Nel ‘totopresidente’ erano comparsi anche i sindaci di Larino, Pino Puchetti, di Guglionesi Mario Bellotti e di Riccia Pietro Testa.

Ma alla fine la quadratura è stata trovata su Caporicci, che ha dato la sua disponibilità a guidare la lista del centrosinistra. Per non ripetere quanto accaduto alla Provincia di Isernia, dove la sfida sarà tutta nel centrodestra, tra il sindaco di Frosolone Felice Ianiro e il sindaco di Venafro Alfredo Ricci.

Anche alla Provincia di Campobasso i candidati del centrodestra potrebbero essere due, il sindaco di Termoli Francesco Roberti e il primo cittadino di Petrella Tifernina, Alessandro Amoroso, già consigliere provinciale uscente con deleghe importanti.

Roberti espressione di Forza Italia, per lui spingono in particolare la leader azzurra Annaelsa Tartaglione e l’europarlamentare Aldo Patriciello. Amoroso sostenuto a quanto sembra dal segretario dei Popolari per l’Italia Vincenzo Niro e dal presidente del Consiglio regionale Salvatore Micone (Udc). Ore di trattativa nella coalizione, per cercare di trovare la quadra e presentare una candidatura unitaria. Quella di Francesco Roberti, più che di Alessandro Amoroso. 

Il M5s, che col sindaco Roberto Gravina guida l’amministrazione comunale di Campobasso, non parteciperà invece al voto. Una scelta fatta a livello nazionale, vista la posizione del Movimento, per l’abolizione delle Province.

Domani, dunque, la presentazione delle liste, corredate da un minimo di 148 sottoscrizioni. Il 15% degli aventi diritto al voto.

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy