Provincia, il sindaco di Termoli Roberti candidato unico del centrodestra. Il Pd indica Caporicci

Provincia, il sindaco di Termoli Roberti candidato unico del centrodestra. Il Pd indica Caporicci

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Questa mattina la presentazione delle liste a Palazzo Magno. Il sindaco di Petrella Alessandro Amoroso, fino a ieri candidato presidente, ha spiegato com’è stata trovata la convergenza su un nome unitario. Si vota martedì 3 settembre. GUARDA LE VIDEOINTERVISTE


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Provincia di Campobasso, il sindaco di Termoli Francesco Roberti, di Forza Italia, sostenuto dalla coordinatrice azzurra Annaelsa Tartaglione e dall’eurodeputato Aldo Patriciello, è il candidato unitario della coalizione alla presidenza dell'ente. Una convergenza trovata nella notte, dopo una lunga trattativa, che ha portato il sindaco di Petrella Tifernina e consigliere provinciale in carica Alessandro Amoroso, proposto dal leader dei Popolari per l'Italia Vincenzo Niro, a fare un passo indietro e a convergere su Roberti.

Non sarà dunque una sfida interna, ma una contesa ‘classica’, centrodestra-centrosinistra, con il sindaco di Termoli che dovrà vedersela con il primo cittadino di Portocannone, Giuseppe Caporicci, espressione del Partito democratico. 

bibianaQuesta mattina a Campobasso la presentazione delle due candidature, senza liste di aspiranti consiglieri, visto che l'assise provinciale a maggioranza centrodestra è stata rinnovata il 31 ottobre 2018. Prima il centrosinistra, con il consigliere dem al Comune di Campobasso Bibiana Chierchia a consegnare accettazione di candidatura e documenti.

robertiPoi il centrodestra, con le procedure affidate proprio a Amoroso, a dimostrazione dell'intesa politica. Insieme a lui il presidente del Consiglio comunale di Termoli Roberto Marone. 

roberti e amoroso“Abbiamo trovato la convergenza, ma io e Roberti non siamo mai stati in contrapposizione – ha dichiarato Amoroso – entrambi ci siamo proposti al tavolo del centrodestra, in rappresentanza di aree diverse del territorio e ne è venuta fuori questa sintesi, perché il Basso Molise si sentiva poco rappresentato a livello istituzionale e con i sindaci dell’area ha chiesto di sostenere il sindaco di Termoli. Questo non significa che se Roberti diventerà presidente si dimenticherà dell’area centrale – ha aggiunto Amoroso – altrettanto sarebbe accaduto se fossi stato io al suo posto”.

“Un segnale di rispetto per il Basso Molise – ha rimarcato in proposito Roberti - anche in considerazione che l’ultimo presidente della mia area risulta essere Eliseo Sciarretta. Mi fa piacere che si sia trovata la convergenza, ringrazio i partiti e ringrazio i sindaci e gli amministratori che contribuiranno alla campagna elettorale”. GUARDA LE INTERVISTE

A votare saranno infatti i consiglieri e non i cittadini: 984 gli aventi diritto. Visto che le elezioni avvengono con il voto ponderato è chiaro che la differenza la faranno i comuni maggiori, Termoli dove il centrodestra governa e Campobasso, dove sono presenti 7 consiglieri di centrodestra e 4 di centrosinistra.

Oltre ai 20 consiglieri del M5s più il sindaco, che hanno scelto di non presentare candidati – l’ex presidente Antonio Battista aveva chiesto a Roberto Gravina di presentarsi, per difendere il ruolo di Campobasso come città capoluogo – e che non parteciperanno alle elezioni. Stessa cosa per i Cinque stelle termolesi. Scelta dovuta alla posizione del Movimento, a livello nazionale per l’abolizione delle Province.

Con il M5s che non andrà alle urne è chiaro che Roberti parte avvantaggiato. Il Pd ha però deciso comunque di essere presente e partecipare alla contesa, dopo aver incassato la disponibilità di Caporicci alla candidatura. Anche per non ripetere quello che è successo alla Provincia di Isernia, dove il centrosinistra non ha candidati e la sfida è tutta nel centrodestra, tra il sindaco di Frosolone Felice Ianiro e il sindaco di Venafro Alfredo Ricci.

Si deciderà tutto martedì 3 settembre. Nel frattempo, in virtù delle dimissioni presentate dal sindaco di Bojano Marco Di Biase, in Consiglio provinciale nei prossimi giorni entrerà Alessandro Pascale, della Lega, consigliere comunale a Campobasso. Surroga preelettorale. 

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale  

Privacy Policy