Il ‘Diavolo’ dei Misteri sulla pagina Facebook di Antonio Di Pietro: polemica social sull’ex ministro

Il ‘Diavolo’ dei Misteri sulla pagina Facebook di Antonio Di Pietro: polemica social sull’ex ministro

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Oggetto del contendere la locandina di una manifestazione in programma a Roma il 7 settembre, che ricorda una foto usata Forza Nuova per attaccare il Pd, inneggiando ai fatti di Bibbiano. In un secondo post il chiarimento del fondatore dell’Idv: “Nessun accostamento alla tradizione di Campobasso”



CAMPOBASSO. Il ‘Diavolo’ dei Misteri e la bambina, stavolta ci casca anche Antonio Di Pietro. Polemica social sulla pagina Facebook dell’ex ministro dei Lavori pubblici, che da molisano dovrebbe conoscere, e bene, la sfilata dei Misteri di Campobasso. 

E sapere che quell’immagine, utilizzata per promuovere una manifestazione in programma a Roma il 7 settembre, dal titolo evocativo ‘Angeli e Demoni’, come l’inchiesta giudiziaria che ha fatto scoppiare il caso Bibbiano, richiama una foto iconica del Corpus Domini: un ‘Diavolo’ che tiene in braccio una bambina. Peraltro dal volto non oscurato. Un'immagine analoga a quella che aveva usato Forza Nuova quando aveva affisso di manifesti le sedi del Pd, inneggiando contro “i dem che strappano i bambini alle loro famiglie”. E facendo rivoltare mezza Campobasso.

La stessa Campobasso che oggi, sul profilo Facebook del ‘Tonino’ nazionale, contesta la scelta dell’ex ministro. Di pubblicare  quella locandina. Con tanto di post a commento. “I fatti di Bibbiano non sono isolati – ha scritto Antonio Di Pietro - emergono in tutta Italia ingenti flussi di denaro pubblico, corruzione e conflitti di interesse tra assistenti sociali, magistrati, psicologi, politici e case famiglia. Risulta, in modo drammatico, che le famiglie in difficoltà non solo non vengono aiutate ma addirittura vengono private dei loro figli”.

Una posizione a difesa dei minori, dunque, quella dell’ex ministro. Così come quella degli organizzatori della manifestazione romana. Resta l’uso improprio di una fotografia. Contro il cui utilizzo da parte di Forza nuova, oltre ai cittadini, si era schierato il Consiglio comunale di Campobasso al completo. Fa specie vederla lì, sulla pagina Facebook di un politico molisano di primo piano. Con il suo seguito di contestazioni social. Prevedibili.Tanto da indurre l’ex ministro a precisare.

“Promuovere una iniziativa che dia attenzione ai fatti scoperti dalla magistratura a Bibbiano – ha scritto in un secondo post Antonio Di Pietro - non vuol dire accostare la vicenda alla tradizione locale di Campobasso”.

“Le insinuazioni non mi interessano – ha aggiunto - preferisco guardare alle buone iniziative contro la corruzione e alla difesa dei minori. Aggiungo che chi ha utilizzato la foto dell'evento che ho promosso nel precedente post – ha concluso Di Pietro - non aveva alcuna intenzione di offendere gli amici di Campobasso e la sentita tradizione”.

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy