Caso strisce blu a Isernia, la Procura indaga: l’incontro con il comitato

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La notizia dai portavoce Emilio Izzo ed Enzo Bongiovanni che stamane hanno avuto un confronto con il procuratore Carlo Fucci



ISERNIA. Il comitato ‘No strisce blu’ non arretra di un millimetro nella sua battaglia per l’eliminazione dal capoluogo pentro del servizio di parcheggi a pagamento, affidato dal Comune ad una ditta esterna di Spoleto, a seguito di un ‘discusso’ bando.
Come preannunciato, stamane, una delegazione ha incontrato il procuratore capo della Procura di Isernia, Carlo Fucci, per esporre le proprie ragioni sulla questione, evidenziando, tra le tante cose, le presunte illegittimità dell’appalto, prima, e del servizio, poi.
E la conferma attesa è arrivata: sul caso sono in corso delle indagini, coordinate dal titolare dell’inchiesta dottor Iannitti.
“Per adesso a noi tanto basta, - affermano così in una nota i portavoce del Comitato, Emilio Izzo ed Enzo Bongiovanni - sapremo aspettare con pazienza, ma non ci caricheremo di responsabilità nel caso in cui ci siano altri atti vandalici o ribellioni cittadine fuori dagli schemi della legalità. Ad ognuno il suo! A giorni convocheremo un’altra assemblea cittadina per illustrare lo stato dell’arte e per rendere edotti i partecipanti sulle future forme di lotta che porremo in essere a partire da una nuova protesta ai piedi della prefettura isernina”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

 

Change privacy settings