Conte parla con Landini ed elogia il Cis Molise: progetti in grado di fare sistema

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le parole pronunciate alle ‘Giornate del lavoro’ della Cgil, dove il premier ha evidenziato la risposta arrivata dal territorio. Attesa per l’arrivo a Campobasso per la firma dello strumento, con la data che circola che è quella del 13 ottobre


CAMPOBASSO. Il premier Giuseppe Conte parla con Maurizio Landini ed elogia i contenuti del Contratto istituzionale di sviluppo del Molise: “Contiene progetti in grado di fare sistema”.

Parole che il presidente del Consiglio ha pronunciato ieri a Lecce, dove è intervenuto alle ‘Giornate del lavoro’ organizzate dalla Cgil. Confermando che il Cis Molise è pronto e che la firma è imminente. La data che circola per la sottoscrizione dello strumento, che avverrà in Prefettura a Campobasso, è quella del 13 ottobre, che tuttavia è domenica. Potrebbe quindi essere confermata o valutata anche una data immediatamente precedente o successiva.

“Il Contratto istituzionale di sviluppo – ha precisato Conte - ha questo di particolare: quando ho lanciato l'idea ho incontrato un sacco di sindaci dell'area interessata, rappresentanti delle parti sociali, di categoria, imprenditoriali, tutti gli stakeholder interessati, perché non si può pensare di lanciare un territorio se non in una visione integrata. Ho detto loro: sono qui per promuovere questo contratto, non vi porto soldi o progetti, i progetti li dovete immaginare voi, voi conoscete questa vostro territorio, voi conoscete la prospettiva effettivamente reale che può offrire, la sostenibilità del progetto".

Passaggio a cui è seguito il riferimento diretto al Molise. "È inutile portare con la forza del Governo una singola impresa nel territorio – ha affermato il premier – dobbiamo creare sistema ed è stato un successo enorme. Io mi aspettavo venti, trenta, cinquanta progetti. Ne abbiamo superato il numero di trecento e c’è di tutto: valorizzazione del territorio, risorse naturali, nuove attività produttive, percorsi enogastronomici e turistici, di tutto".

Dei trecento progetti presentati ne sono stati ammessi 66, per 220 milioni di euro, con la cifra più consistente, 129 milioni, destinata alla proposta per la riqualificazione dei tratturi del Molise.

"Quando siamo andati a valutare questi progetti – ha detto Conte a Landini - uno dei criteri selezionarli e premiarli sarà se fanno sistema, cioè se si coniugano con le altre iniziative”. Criterio rispettato per il Molise, il primo Cis che sarà firmato dal Conte bis (quello della Capitanata è stato sottoscritto durante il Conte uno). Prima di quelli della Basilicata, della Calabria, della Sicilia e della Sardegna, il cui iter è in stato meno avanzato. 

E di Contratto istituzionale di sviluppo del Molise si parlerà anche domani in Consiglio regionale. Nel ‘Question time’ c’è l’interpellanza dei consiglieri del Pd Micaela Fanelli e Vittorino Facciolla sulle iniziative da assumere per la verifica della graduatoria del Cis. Un chiaro riferimento al 'caso Ecomont'. 

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings