Piano sanitario, fuori le carte. I sindaci a confronto con Giustini, presto l’incontro

Piano sanitario, fuori le carte. I sindaci a confronto con Giustini, presto l’incontro Piano sanitario, fuori le carte. I sindaci a confronto con Giustini, presto l’incontro
Watch the video

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Isernia/ Su intercessione del prefetto, il commissario ad acta dovrà discutere i dettagli del nuovo Pos, dal quale discenderebbe il taglio di Oncologia e il ridimensionamento di altri servizi dell’ospedale Veneziale. Intanto, spunta l’ipotesi incompatibilità per il neo commissario Asrem Gennaro Sosto


di Pasquale Bartolomeo e Pietro Ranieri

ISERNIA. Dovrà tirare fuori le carte sul nuovo Piano sanitario, Angelo Giustini. Dopo 11 mesi in cui aveva sempre mancato di concedere qualsiasi contatto diretto in forma ufficiale con i rappresentanti del territorio, il commissario ad acta alla Sanità dovrà dare udienza, a brevissimo giro, a una delegazione di sindaci e comitati della provincia di Isernia per discutere del nuovo Pos, i cui contenuti sono finora rimasti top secret.

IN EVIDENZA, IL VIDEOSERVIZIO DI ISNEWS

Questo l’esito della riunione a porte chiuse tra il primo cittadino di Isernia Giacomo d’Apollonio, accompagnato dai sindaci di Pettoranello, Carpinone, Macchiagodena, Monteroduni, Sessano del Molise e Roccamandolfi, e il prefetto Cinzia Guercio, terminato alle 19.15 circa. Fuori, cittadini ed esponenti del Comitato sorto in difesa del centro di Senologia del ‘Veneziale’, malati oncologici, esponenti di altri comitati locali e semplici cittadini sono scesi in piazza per difendere la sanità pubblica dall’allarme tagli. Le voci di ridimensionamento circolate a mezzo stampa in questi giorni, infatti, riferiscono della chiusura di Oncologia, a Isernia. Di qui una protesta partita già stamani dinanzi ai cancelli del Veneziale, per poi spostarsi nei pressi della prefettura, dove tuttavia nessun rappresentante dei comitati è stato ricevuto, nonostante ripetuti solleciti fatti pervenire anche tramite le forze dell’ordine.

GUARDA IL VIDEO: I SINDACI RIFERISCONO L'ESITO DELL'INCONTRO CON IL PREFETTO

Di fronte a una delegittimazione apparsa inspiegabile, Emilio Izzo e tutti gli altri manifestanti hanno bloccato la strada. Impossibile transitare a livello veicolare su via Kennedy dalle 18 in poi: strada chiusa all’altezza dei due incroci limitrofi tramite carabinieri e polizia municipale, con la deviazione del traffico su Corso Garibaldi in direzione del tribunale.

GUARDA IL VIDEO DELLA PROTESTA

Change privacy settings