Aggressioni negli ospedali e alle guardie mediche, chiesto il servizio di vigilanza armata

Aggressioni negli ospedali e alle guardie mediche, chiesto il servizio di vigilanza armata

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lo prevede un ordine del giorno, di iniziativa di Aida Romagnuolo, approvato ieri dal Consiglio regionale

CAMPOBASSO. Aggressioni alle guardie mediche e nei pronto soccorso del Molise, il Consiglio regionale ha approvato, con un solo voto di astensione, l’ordine del giorno di iniziativa del consigliere Aida Romagnuolo, che prevede il ripristino dei servizi di vigilanza armata negli ospedali e nei punti sanitari a rischio".

Il Consiglio ha preso atto degli episodi di aggressione, avvenuta nelle ore notturne ai danni di ausiliari sanitari ,e delle situazioni di violenza a cui sono sottoposte le guardie mediche. Ed ha invitato il presidente della Regione Donato Toma ad attivarsi e a sollecitare l’Asrem a ripristinare i controlli di vigilanza armata, nei punti strategici della sanità molisana.

Obiettivo ispezionare e chiudere gli accessi dei presidi sanitari a rischio, per intercettare e allontanare eventuali intrusi, dando nello stesso tempo sicurezza a chi, alla luce dei fatti, continua ad operare in  uno stato d’animo di angoscia e paura per la propria incolumità.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy