Aree interne e spopolamento: Federico porta la questione sul tavolo del ministro

Aree interne e spopolamento: Federico porta la questione sul tavolo del ministro

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il portavoce alla Camera del M5S ha fatto parte della delegazione di maggioranza che ieri ha incontrato il titolare dicastero per il Sud Provenzano. Assicurata massima attenzione con investimenti in infrastrutture e scuola


CAMPOBASSO. Combattere lo spopolamento e salvaguardare le aree interne. Un tema di stretta attualità quella che il portavoce alla Camera del Movimento 5 Stelle Antonio Federico ha portato sul tavolo del ministro per il Sud Giuseppe Provenzano.

Il parlamentare molisano ha fatto parte della delegazione di maggioranza che ha incontrato il titolare del dicastero. “Abbiamo innanzitutto fatto il punto sulle iniziative presenti nella prossima legge di bilancio per il Mezzogiorno – ha spiegato il deputato molisano -: dal rafforzamento della clausola del 34% per gli investimenti al Sud fino ad una nuova strategia per i fondi FSC”.

Federico ha portato al tavolo la questione delle aree interne che riguarda in maniera chiara tutta la regione appenninica italiana, in particolar modo il Molise. “La mia – ha evidenziato - è una regione che continua inesorabilmente a scomparire, al ritmo di duemila residenti in meno ogni anno, con una frammentazione unica del territorio e una galassia di tanti piccoli e piccolissimi centri in alcuni dei quali ormai da anni non nasce nessuno.

Di esempi virtuosi, fatti di coraggio e di resilienza, è piena la nostra terra, ma c'è bisogno di maggiore facilità di accesso alle risorse europee rafforzando la pubblica amministrazione e, soprattutto, serve costruire insieme una strategia che metta insieme sviluppo del territorio, sostenibilità, realizzazione di nuove infrastrutture, politiche sociali e sanitarie adeguate.

Il ministro, da profondo conoscitore della questione meridionale sin dai tempi del suo impegno allo Svimez, ha colto pienamente le mie sollecitazioni e sono sicuro che l'attenzione sarà adeguata anche nel prossimo Piano per il Sud che prevede, tra le altre cose, forti investimenti in infrastrutture e scuola – ha concluso Federico - , due assi strategici per conservare e rafforzare le nostre aree interne.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy