Asrem, sulla nomina di Scafarto i dubbi di Romagnuolo. Toma: tutto regolare

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il governatore, oggi in conferenza stampa, ha risposto ai giornalisti sull’indicazione del nuovo commissario e sull’impugnativa del provvedimento da parte del direttore amministrativo Antonio Forciniti, che è stato rimosso dall’incarico



CAMPOBASSO. Sanità, la consigliera regionale di Prima il Molise Aida Romagnuolo solleva dubbi sulla legittimità della nomina del nuovo commissario Asrem. “Voglio capire, perché sono i molisani a chiedermelo – le parole di Romagnuolo – se il commissario Maria Virginia Scafarto, nominata dalla Giunta lo scorso 31 ottobre, è legittimata o meno a ricoprire quel ruolo e quelle mansioni, ovvero, se i suoi provvedimenti producono effetti giuridici o se è solo acqua fresca. Io avrei preferito un manager molisano”.

Romagnuolo è poi intervenuta sulla diffida fatta dall’ex direttore amministrativo Antonio Forciniti, rimosso dall’incarico, che ha impugnato il provvedimento, notificando la diffida all’Asrem, al Ministero della Salute e alla Regione Molise.

“L’atto - ha detto ancora Romagnuolo - secondo Forciniti sarebbe illegittimo, perché con la delibera 425 del 31 ottobre scorso la Giunta con gli assessori Cotugno, Di Baggio e Mazzuto, alle ore 23 ore italiane e, con Toma e Cavaliere che non erano fisicamente presenti nella riunione, ma collegati in videoconferenza da Washington, ha nominato commissario straordinario Scafarto. Mentre secondo Forciniti la nomina sarebbe dovuta avvenire il giorno prima e cioè il 30 ottobre”.

“Personalmente - ha concluso Romagnuolo - mi schiero come sempre con i cittadini ed il comparto sanitario del Molise e, di questa strana e complicata vicenda, desidero precisare due cose: che non ho nulla di personale contro il commissario Scafarto, che non conosco, e sono solidale con Forciniti, se l’atto risultasse nullo”.

Questioni precisate dal governatore e dallo stesso commissario nella conferenza stampa di oggi, in cui Toma ha espresso una "ragionevole certezza" sulla regolarità dell'atto. "Il direttore sanitario e quello amministrativo - ha spiegato Scafarto, presente all'incontro - hanno un contratto di tipo privatistico con il direttore generale dell'Azienda sanitaria. Se il direttore generale non c'’è decadono ipso facto".

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings