Isernia, assessori ‘sotto accusa’: Consiglio al calor bianco, d’Apollonio verso la Giunta a 10

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

In assise, martedì 19 novembre, l’esplosiva interpellanza dei Popolari e della consigliera Formichelli sull’operato e i risultati dell'esecutivo d’Apollonio. Ma in queste ore il gruppo Niro potrebbe accettare l'ingresso nel governo cittadino con Fantozzi o Vittoria Succi, se un accordo sarà raggiunto. Lega ancora fuori


ISERNIA. I nodi arrivano al pettine, al Comune di Isernia. Martedì 19 novembre approdano in Consiglio comunale le due esplosive interpellanze dei Popolari per l’Italia con l’aggiunta della consigliera de ‘La Città Nuova’ Rita Formichelli, incentrate sull’operato degli assessori e sul nuovo polo scolastico di San Leucio, che a loro dire non risulterebbe dotato di tutte le autorizzazioni previste tali da garantire l’agibilità e la fruibilità dell'edificio.

Particolarmente delicata, sotto il profilo politico, la prima interpellanza, che riguarda i punti del programma elettorale, di cui è contestato il sostanziale mancato raggiungimento degli obiettivi. Un documento che, prima di entrare nel merito, contiene anche un’invettiva all’indirizzo del presidente del Consiglio comunale Peppino Lombardozzi, “il quale del tutto illegittimamente – sostengono i Popolari - ricopre tale ruolo istituzionale”, e che avrebbe rifiutato, bollandola come “irricevibile”, la richiesta di un Consiglio ad hoc, volto proprio ad ottenere dagli assessori una relazione circa le proprie attività.

rita formichelli pm 3L’operato della Giunta, del resto, era stato aspramente criticato in aula dalla Formichelli nella seduta dello scorso 13 agosto: dito puntato, in particolare, sugli assessori Matticoli, Chiacchiari e Guglielmi, bocciati su tutta la linea in materia di parcheggi a pagamento, piscina e contenziosi dell’ente, al punto da invitare il sindaco a revocarli.

Proprio sui risultati dell’esecutivo, tuttavia, all’ordine del giorno dell’assise è prevista la relazione del primo cittadino sulla realizzazione delle linee programmatiche, come da articolo 20, comma 7, dello Statuto comunale: i chiarimenti richiesti, riguardanti anche l’operato degli assessori, potrebbero arrivare dunque in questo ambito. Ma bisognerà vedere se i Popolari e la Formichelli si accontenteranno delle spiegazioni ricevute o continueranno a dare battaglia a oltranza.

Difficile fare previsioni, ma le indiscrezioni degli ultimi giorni riferiscono di una trattativa sull’allargamento della Giunta che si sarebbe riaperta: i Popolari, finora rimasti fuori pur vantando un gruppo consiliare di ben 6 consiglieri, potrebbero prendere in considerazione un eventuale ingresso nell’esecutivo con una donna – in pole position Vittoria Succi – o con il capogruppo Gianni Fantozzi, decano del Consiglio comunale.

Gianni Fantozzi 29.10.2018Facendosi forti del fatto che 5 di essi - Fantozzi, Azzolini, De Marco, Succi, Pizzi - furono candidati fin dal 2016 a sostegno del sindaco d’Apollonio, a differenza del gruppo ‘Isernia Migliore’, già rappresentato con l’assessore Linda Dall’Olio. Una questione da tempo irrisolta, con il ‘gruppo Niro’ che avrebbe rifiutato già in passato l’assessorato, rivendicando invece la presidenza del Consiglio. L’accordo, sempre secondo i rumors, potrebbe raggiungersi finalmente nelle prossime ore, per essere poi ufficializzato solo dopo il Consiglio di martedì.

In tal caso, Isernia vanterebbe una Giunta a 10, con il primo cittadino affiancato da 9 assessori. E il centrodestra ne uscirebbe rafforzato sotto vari fronti: Vincenzo Niro, leader regionale dei Popolari, avrebbe maggiore visibilità con un posto nell’esecutivo; mentre Michele Iorio, a capo di ‘Insieme per il Molise’, gruppo nel quale furono eletti 5 degli attuali consiglieri dei Popolari (tutti tranne Di Luozzo), guadagnerebbe un consigliere grazie alla surroga (l’ex An Giovanni Fevola, già consigliere comunale con Melogli sindaco). Resterebbe fuori, tuttavia, ancora un pezzo della coalizione - la Lega - con Stefano Testa e Gianluca Di Pasquale che scalpitano tra le file – per ora - dell’opposizione.

Tra gli altri punti all’ordine del giorno del consesso, l’affidamento del servizio di tesoreria comunale per il periodo 2020-2024, con annessa approvazione dello schema di convenzione e delle direttive per l'espletamento della procedura; l’approvazione del regolamento per la gestione degli impianti sportivi dell'immobile ex scuola media ‘Andrea d’Isernia’; il riconoscimento di legittimità di una serie di debiti fuori bilancio.

Pba

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings