Convitto ‘Mario Pagano’, il sindaco Gravina eletto nel cda. Il centrodestra ritira le candidature

Convitto ‘Mario Pagano’, il sindaco Gravina eletto nel cda. Il centrodestra ritira le candidature

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Evidenziando il segnale di attenzione mostrato dalla presenza del primo cittadino nel direttivo dell’istituzione, tra le più importanti per la città di Campobasso. In mattinata il voto, all'unanimità, sulla cittadinanza onoraria a Liliana Segre e Piero Terracina, sopravvissuti dell'Olocausto. Cittadinanza benemerita a Giovanni Tucci e Michele Montagano, testimoni locali di una delle pagine più drammatiche della storia d'Europa



CAMPOBASSO. Il sindaco di Campobasso Roberto Gravina è il rappresentante del Comune nel consiglio di amministrazione del Convitto nazionale ‘Mario Pagano’. La decisione in Consiglio comunale, che ha fatto quadrato sulla candidatura del sindaco, con l'opposizione che si è invece astenuta. 

Un segno di attenzione nei confronti di un’istituzione tra le più importanti a Campobasso, come ha chiarito il capogruppo della Lega Alberto Tramontano. “Di fronte alla candidatura del sindaco – le parole dell’esponente del Carroccio – faccio un passo indietro e ritiro la mia candidatura”. Posizione condivisa anche dagli esponenti degli altri gruppi di opposizione. Alla fine Gravina ha ottenuto 17 voti, quelli dei consiglieri di maggioranza presenti in aula, con le 6 schede bianche della minoranza.

Il voto dopo una lunga giornata di dibattito, che si è aperta con la decisione, assunta all’unanimità, di concedere la cittadinanza onoraria di Campobasso alla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta al campo di concentramento di Aushwitz e a Piero Terracina, altro grande testimone dell’Olocausto. Votata senza divisioni politiche la mozione del Pd, con due emendamenti dei Dem e dei Cinque stelle, che hanno previsto anche la concessione della cittadinanza benemerita ai campobassani Giovanni Tucci e Michele Montagano, testimoni locali della Shoah e testimoni di una delle pagine più drammatiche della storia d'Europa.

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy