Transumanza patrimonio dell’Unesco: il Molise incrocia le dita in attesa del verdetto

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il comitato mondiale è riunito a Bogotà per valutare la proposta presentata nel 2017. Carmelina Colantuono: “Tutto è ancora da decidere”


FROSOLONE. Transumanza patrimonio dell’Unesco? Si è aperta ieri la settimana decisiva per il verdetto. Il comitato mondiale riunito a Bogotà in Colombia, deciderà se includere tale pratica nella Lista dei Patrimoni Culturali Immateriali Mondiali dell'Umanità.

La Transumanza è una antica pratica della pastorizia che consiste nella migrazione stagionale del bestiame lungo le rotte migratorie nel Mediterraneo e nelle Alpi. Tale tradizione affonda le sue radici sin dalla preistoria e si sviluppa in Italia anche tramite le vie erbose dei "tratturi", ancora in uso tra Molise e Puglia.

La candidatura all'Unesco della Transumanza è stata avanzata nel 2017 da Italia (capofila), Austria e Grecia ed il dossier è stato elaborato da un pool di esperti guidato dal professor Pier Luigi Petrillo. La proposta unisce tutta l'Italia dalle Alpi al Tavoliere: le comunità emblematiche indicate nel dossier come luoghi simbolici della transumanza sono diverse tra cui i comuni di Amatrice da cui è partita la candidatura subito dopo il devastante terremoto, Frosolone, Pescocostanzo e Anversa degli Abruzzi in provincia dell'Aquila, Lacedonia in Alta Irpinia in Campania, San Marco in Lamis e Volturara Appula (il paese del Premier Conte) in provincia di Foggia.

A decidere saranno i delegati di 24 Stati: Armenia, Austria, Azerbaijan, Cameroon, Cina, Colombia, Cuba, Cipro, Djibouti, Guatemala, Giamaica, Giappone, Kazakhstan, Kuwait, Libano, Mauritius, Olanda, Palestina, Filippine, Polonia, Senegal, Sri Lanka, Togo e Zambia.

Giorni di attesa per Carmelina Colantuono, donna simbolo della transumanza italiana e per il direttore di Asvir Moligal che, supportata da Geaco Srl, l’Agenzia molisana, si è occupata di curare il progetto di partenariato nazionale nell’ambito della candidatura internazionale presentata a Parigi il 27 marzo 2018. Si incrociano dunque le dita “perché – afferma Carmelina Colantuono – tutto è ancora da decidere, anche all’ultimo momento, sebbene il dossier prodotto sia stato valutato positivamente come best practice per le candidature Unesco”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings