Trasporti regionali, nuovo stop in vista e sostegno alla protesta da studenti e pendolari

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Pronti ad incrociare ancora le braccia gli autoferrotranvieri del Molise. Iniziativa in programma per il 16 dicembre. Ecco le ragioni, le modalità e gli orari della mobilitazione


CAMPOBASSO. Ancora sul piede di guerra gli autoferrotranvieri del Molise, alle prese con mezzi vetusti e con condizioni retributive non soddisfacenti.

Gli stessi lamentano, nonostante i proclami, la mancata risoluzione dei problemi del settore da parte della Regione. Pertanto, attraverso i sindacati di categoria proclamano uno sciopero, il terzo negli ultimi tempi, per il prossimo 16 dicembre.

“La situazione è diventata davvero insostenibile – recita una nota - E non ci possono senz'altro far desistere i soliti annunci della Regione con i quali si cerca di inviare ai cittadini messaggi confortanti e di ottimismo rispetto ad esempio al rinnovo del parco autobus (quello circolante in Molise è tra i più vecchi d'Italia - il 74% degli autobus ha un’anzianità superiore a 13 anni!) o sul tanto agognato bando di gara che, almeno sulla carta, dovrebbe finalmente arrestare quel sistema basato sul rinnovo sistematico delle concessioni, con il quale per decenni le 29 imprese molisane hanno potuto beneficiare (senza mai competere con il mercato) di importanti rendite di posizione garantite dalle forze politiche che si sono avvicendate negli anni alla guida della Regione.

Noi non ci stiamo – insistono gli operatori del settore - e non siamo disposti a fermare la protesta. Dopo le due azioni di sciopero, la prima di 4 ore dello scorso 25 ottobre 2019 e la seconda di 24 ore dello scorso 19 novembre 2019, abbiamo indetto una terza azione di sciopero, sempre di 24 ore e che terremo lunedì 16 dicembre 2019 sempre nel rispetto delle leggi e salvaguardando le fasce di garanzia”.

Di qui i dettagli: “Le organizzazioni sindacali, unitamente ad un presidio di lavoratori, sosteranno, dalle 9.00 alle 13.00, dinanzi alla Prefettura allo scopo di ottenere, per intercessione del prefetto, dalle stesse aziende e dalla Regione il rispetto delle normative, degli accordi e delle regolamentazioni di settore.

Lo sciopero sarà preceduto da una nuova assemblea dei lavoratori che si terrà domenica 15, a partire dalle ore 9.00 sempre presso il Dopolavoro ferroviario di Campobasso. E questa volta i lavoratori non saranno soli a scambiarsi opinioni e a parlare dei tanti disservizi del trasporto pubblico locale molisano. Ci saranno, infatti, gli studenti dell’Uds che soltanto fino a pochi giorni fa hanno espresso pubblicamente il loro disagio rispetto ad una mobilità che non funziona e che non soddisfa le loro esigenze. E a confrontarsi con i lavoratori ci saranno anche i consumatori e gli utenti che in materia di trasporto collettivo condividono quotidianamente il disagio che stiamo da tempo denunciando”. L’invito all’assemblea è esteso anche alla politica.

ECCO LE MODALITA' DI SCIOPERO. Il personale viaggiante e delle biglietterie si asterrà dal lavoro per l’intera prestazione ad eccezione delle ore in fasce di garanzia che sono: dalle 5:17 alle 8:17 e dalle 13 alle 16 per le aziende del servizio urbano; dalle 5 alle 8:30 e dalle 13 alle 15:30 per le aziende del servizio extraurbano”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale  

Change privacy settings