Centro storico, nel percorso tra San Giorgio e San Leonardo arriva l’illuminazione artistica

Centro storico, nel percorso tra San Giorgio e San Leonardo arriva l’illuminazione artistica

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’annuncio dell’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Amorosa oggi in Consiglio comunale. Previsto il potenziamento del servizio in tutta la città, con la sostituzione delle vecchie lampade col nuovo sistema a Led. In materia di cultura si punta ad incrementare le visite alla Galleria civica di arte moderna


CAMPOBASSO. Un’illuminazione artistica e monumentale nel borgo antico di Campobasso, nel percorso tra San Giorgio, San Bartolomeo e San Leonardo e il potenziamento dell’illuminazione pubblica, nel centro e in periferia, senza trascurare le rotatorie e gli attraversamenti pedonali

E’ quello che prevede il progetto per il potenziamento dell’illuminazione pubblica, illustrato oggi in Consiglio comunale dall’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Amorosa, che ha risposto a quesiti posti dal capogruppo di Forza Italia Mimmo Esposito e al dem Giose Trivisonno. Prevista la sostituzione delle vecchie lampade con un nuovo sistema a Led ad elevata efficienza luminosa, che consentirà di ridurre del 50% il consumo di energia elettrica e di migliorare il servizio, affidato a un nuovo gestore che già a partire dal mese di marzo dovrà garantire la messa a norma degli impianti, con lampade ad elevata efficienza luminosa.

Un argomento trattato in una seduta in cui sono stati tantissimi gli interventi discussi, anche in materia di cultura e di pari opportunità, con l’assessore Paola Felice che ha risposto alle interpellanze delle consigliere del Pd Bibiana Chierchia e Alessandra Salvatore sull’affidamento dei servizi della Casa della scuola, dove ha sede la Galleria civica di arte moderna e sulla Consulta femminile.

“In considerazione della bassissima affluenza di visitatori registrata nella Galleria civica dalla sua apertura ad oggi – ha detto l’assessore - d’intesa con i partner istituzionali del progetto, si sta elaborando una scheda di valorizzazione della collezione esposta affinché attraverso iniziative mirate si renda possibile un incremento dei visitatori e in generale un maggior interesse verso il centro culturale nel suo complesso. In particolare – - ha aggiunto Felice - già dal prossimo Dantedì, 25 marzo Giornata nazionale dedicata a ricordare il genio di Dante, saranno previste iniziative che vedranno un forte coinvolgimento delle scuole, degli studenti e di altre istituzioni culturali. Si provvederà inoltre a garantire l’apertura della Galleria per l’iniziativa “Domenica al museo” e sarà sempre garantita l’apertura al pubblico tutti i giorni feriali, su prenotazione telefonica, anche al di fuori degli orari previsti.

I criteri di modalità della ricostituzione della Consulta femminile, ha invece affermato l’assessore, saranno oggetto di un approfondimento in commissione, con l’obiettivo di incrementare la partecipazione. Spiegazione che ha fatto insorgere il gruppo dem al completo. “Breve storia triste – hanno dichiarato - La Consulta Femminile per ora non sarà ricostituita, nonostante l'impegno preso dall'assessore Felice, e non è dato sapere quando ciò accadrà. Nonostante ciò – hanno aggiunto - la rete di istituzioni, ordini ed associazioni, nata da quella esperienza, lavora lo stesso, quotidianamente, per la promozione delle pari opportunità e per il contrasto alla violenza e ad ogni forma di discriminazione”.

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

Privacy Policy