Unilever, Federico incalza l’azienda: fornisca i piani dettagliati di sviluppo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Tre le opzioni di rilancio, accennate nel vertice tenutosi al Mise. L’impegno per tutelare i livelli occupazionali


ROMA. Nessuna crisi per Unilever ma nuove prospettive per il sito industriale di Pozzilli. Questo il cuore del summit tra le parti (Governo, Regione, sindacati e azienda) tenutosi stamani al Mise e in videoconferenza, presieduto dalle sottosegretarie Alessandra Todde e Alessia Morani.

Tre le proposte sul tavolo per rilanciare l’attività dello stabilimento, anche in chiave ‘sostenibile’, da realizzarsi con il supporto di Regione Molise e ministero. E a commentare l’esito dell’incontro, tra gli altri, il portavoce del Movimento Cinque Stelle alla Camera dei deputati, Antonio Federico, presente all’appuntamento, che incalza i vertici della multinazionale per conoscere nel dettaglio i pini strategici e per assicurarsi che vengano tutelate le unità occupazionali.

“Il Mise – spiega in una nota - è impegnato affinché non sia perso neanche un posto di lavoro, ma anche per rilanciare la strategicità dello stabilimento molisano all’interno del network Unilever. Quindi non si ragiona attorno a un Tavolo di crisi perché crisi non c’è. Si lavora invece sul mantenimento dei livelli occupazionali e sullo sviluppo nel medio-lungo periodo. L’azienda ha confermato l’interesse a investire sullo stabilimento di Pozzilli e ha messo in campo tre opzioni per il futuro del sito. Ben vengano queste proposte che potrebbero anche essere integrate tra loro. Tuttavia ora Unilever deve dare concretezza a queste opzioni, deve mostrare le carte e fornire piani dettagliati di sviluppo per ciascuna proposta consentendo a tutte le parti di valutare la tenuta del perimetro occupazionale. L’incontro è stato aggiornato in attesa di questi dettagli. Ad ogni modo – conclude Antonio Federico - il MoVimento 5 Stelle è al lavoro sul piano ministeriale, parlamentare e regionale, ma è altrettanto importante la compattezza mostrata da tutte le parti in causa, in maniera verticale tra livelli istituzionali, e orizzontale, tra le parti politiche al governo”.

Unilever greco e Nola videoconferenzaPresenti all’incontro, ma in video conferenza, anche gli esponenti M5S in Consiglio regionale Vittorio Nola e Andrea Greco che aggiungono: “Abbiamo messo in luce come il ‘sistema Unilever’, operativo da 40 anni in Molise, non può e non deve abbandonare il nostro territorio. In attesa di conoscere le nuove linee programmatiche aziendali è opportuno non delocalizzare le produzioni che attualmente vengono assicurate allo stabilimento di Pozzilli. Nelle prossime settimane, l’azienda dovrà illustrare al Ministero un Piano triennale in funzione delle nuove tecnologie e per la valorizzazione dei progetti di investimento, anche tenuto conto che a partire dal 2021 il Molise rientrerà in ‘Obiettivo 1’ e che la Regione è disponibile a inserire lo stabilimento di Pozzilli nel perimetro della Zes Adriatica con conseguenti importanti benefici fiscali”.

 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale  

 

Change privacy settings