Cittadinanza onoraria a Ocalan, la Turchia scrive all’Italia e condanna la scelta di Fossalto

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Immediata la reazione del Molise, alla presa di posizione del ministro degli Esteri del governo Erdogan


CAMPOBASSO. Cittadinanza onoraria ad Abdullah Ocalan, la Turchia condanna la scelta del Comune di Fossalto, che ha deciso di attribuire il riconoscimento al leader del Pkk curdo, in prigione dal 2009. Un caso diplomatico, quello sollevato dal Ministero degli Esteri di Ankara Mevlüt Çavuşoğlu, che ha chiesto all’Italia “di evitare che tentativi simili possano avvenire in futuro”.

“Un episodio ignobile che ignora i gravi reati contro l'umanità commessi da questo assassino", ha scritto il ministro sul suo sito web. "Alla luce di questo tentativo - ha affermato ancora - che costituisce l'ultimo esempio di simili decisioni di alcuni governi locali in Italia, così come di tentativi simili che potrebbero accadere successivamente, ribadiamo di aspettarci dalle autorità italiane che collaborino nella lotta contro l'organizzazione terroristica".

Immediata la reazione del Molise. A partire da Nicola Marrone, sindaco di Castelbottaccio. "Siamo stati i primi nel marzo del 2018 a dare la cittadinanza al leader dei curdi Ocalan – ha dichiarato all’Ansa - e lo facemmo come gesto di pace, lui e i curdi sono visti come terroristi, ma non è vero. C'è una aggressione ingiustificata ad un popolo e nessuno, specie l'Europa, dice nulla. E' grave".

Sull’accaduto da registrare l’intervento di Rifondazione Comunista. "La nota del ministero turco è irricevibile – ha dichiarato il segretario Maurizio Acerbo - In primis perché nel nostro paese i comuni sono liberi di votare senza imposizioni del governo. Questa nota del ministero mostra quale sia la mentalità del fascista Erdogan. Ocalan non è un terrorista ma il leader del popolo curdo che subisce la repressione del nazionalismo turco. Per la pace e la democrazia – ha concluso - invitiamo il regime turco a liberare Ocalan e tutti i prigionieri politici".

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

Change privacy settings