Sanità oltre l’emergenza, Iorio al lavoro su una proposta di legge per riorganizzare il sistema molisano

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il consigliere regionale scrive ai sindaci per elaborare un testo condiviso del quale presenta le linee guida. Il disegno verrà poi presentato in assise a palazzo D’Aimmo


CAMPOBASSO. Michele Iorio al lavoro, con altri colleghi, su una proposta di legge regionale per riorganizzare il sistema sanitario molisano.
Ad annunciarlo lo stesso consigliere regionale che, con una lettera, chiama a raccolta i sindaci affinché insieme “si possa riscrivere le regole della sanità”. Regole che guardano oltre l’emergenza Covid.


Il disegno di legge è allegato alla citata missiva, con l’obiettivo di ricevere proprio dai primi cittadini dei feed back, così da mettere giù un testo ampiamente condiviso, da portare in Consiglio regionale e al tavolo delle trattative con il Governo centrale.

“L’attuazione dei vari POS approvati dal tavolo Tecnico Interministeriale con la Regione Molise – dice Iorio - hanno profondamente modificato la nostra organizzazione sanitaria con la rete ospedaliera stravolta dalla chiusura e/o dal ridimensionamento di presidi, unità operative e servizi. Il Molise si è ritrovato, di fatto, impossibilitato ad adottare percorsi assistenziali per garantire il trattamento adeguato, tempestivo ed efficace sia di patologie ordinarie che di quelle tempo dipendenti.
E’ doveroso, pertanto, che la Regione Molise intervenga per riappropriarsi e ripristinare i disposti costituzionali adottando con urgenza una Legge Regionale che tenga nuovamente conto delle reali esigenze sanitarie della popolazione seguendo linee guida stabilite in base alla struttura orografica del territorio e ai nuovi parametri epidemiologici, andando incontro in definitiva alle esigenze della popolazione”.

Ed ecco, in via generale, le linee guida:
- il presidio ospedaliero Cardarelli di Campobasso: DEA II livello integrato con Gemelli SpA, centro Hub regionale;
- P.O. di Isernia e Termoli: centri Spoke;
- P.O. di Agnone: presidio di zona disagiata;
- Stabilimenti di Venafro e Larino (funzionalmente collegati rispettivamente ai P.O. di Isernia e Termoli): centri di primo soccorso, medicina, lungodegenza e riabilitazione ospedaliera, Casa della salute.

“Nei giorni scorsi ho apprezzato molto l’iniziativa dei 100 sindaci – ancora Iorio - che hanno chiesto, invano, la riorganizzazione ospedaliera durante l’emergenza da Covid – 19 mentre con rammarico osservo che la posizione del Presidente-Commissario Toma è diversa se non antitetica. Speriamo che cambi idea finché si è in tempo. Allora mi rivolgo ai sindaci perché tutti insieme, con loro in prima linea, possiamo riscrivere le regole della nostra sanità per il ‘dopo Covid’ tornando così ad occuparci della nostra terra e a riappropriarci dei nostri diritti”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings