Decreto Cura Italia e lavori usuranti: i medici insorgono, più tutele o scioperi a oltranza

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

“Il voto di fiducia ha spazzato via emendamenti importanti come il riconoscimento del lavoro usurante”, denuncia l’associazione di categoria


ROMA. La decisione di porre la fiducia parlamentare al decreto Cura-Italia che il Governo ha preso ha chiuso le porte agli emendamenti presentati nei giorni scorsi. Tra questi ve ne sono anche due (a firma dell’onorevole Annaelsa Tartaglione di FI, NdR) di particolare interesse per i Medici Anestesisti Rianimatori e dell’Emergenza-Urgenza, oltre 11mila soggetti rappresentati elettivamente dall´AAROI-EMAC.

"Entrambi gli emendamenti - afferma Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC - a favore dei quali esprimiamo il più grande apprezzamento per l´On. Tartaglione che ha avuto la sensibilità di presentarli, affrontavano questioni di grande importanza per i Medici rappresentati dall’AAROI-EMAC, protagonisti di questa emergenza sanitaria senza precedenti. Quello sul riconoscimento di "lavoro usurante", in particolare, riguarda un tema su cui la nostra Associazione già in passato si è ampiamente battuta. È infatti innegabile che l’attività svolta da tutti gli Operatori Sanitari nelle Unità Operative Ospedaliere di Anestesia e Rianimazione e di Pronto Soccorso sia altamente usurante, a prescindere dall´immane impatto che soprattutto in queste due Aree, rivelatesi vere e proprie trincee di guerra contro il Coronavirus, è stato provocato dalla Pandemia Covid-19.

“Riteniamo - prosegue Vergallo - che sia arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti: ai cosiddetti ‘Eroi’ - che peraltro non amano quest´appellativo che ormai rischia di suonare come una beffa - occorre dare un riconoscimento concreto e da tempo richiesto, il riconoscimento di lavoro usurante. L’AAROI-EMAC proseguirà in questa battaglia a tutela di tutti i suoi iscritti, auspicando che la questione possa essere oggetto di uno dei prossimi provvedimenti con allargamento dell’ipotesi proposta nel Cura Italia a tutti gli Anestesisti Rianimatori e Medici di Emergenza-Urgenza”.

“Il suggerimento che diamo a tutte le Forze Politiche, considerato il rischio che chiedere entrambe le cose (Contribuzione figurativa aggiuntiva di 12 mesi e Lavoro Usurante) per entrambi i settori di Anestesia e Rianimazione e di Pronto Soccorso porterebbe a duplice bocciatura parlamentare, causa probabili levate di scudi governative basate sugli eccessivi costi (come se il non aver saputo affrontare in anticipo proteggendo il Paese dalla Pandemia da Covid-19 non avesse già prodotto un costo sociale nazionale esorbitante!) è quello di lasciar perdere il 1° emendamento (1 anno di contribuzione figurativa per gli AR) e di puntare sul 2° (lavoro usurante) sia per Medici di PS sia per gli Anestesisti Rianimatori alla prima discussione parlamentare finalizzata all´emanazione - al più presto - di una prossima norma di legge a valenza nazionale”.

“Ed è bene che questo Governo ci ascolti - conclude il Presidente AAROI-EMAC -, se non intende ritrovarsi, ad Emergenza Pandemia rientrata appena sotto il livello di guardia, con i cosiddetti "Eroi" pronti a sguainare la spada di scioperi a raffica. Governo avvisato, mezzo salvato”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings