La storia del coronavirus in Molise: ecco i numeri completi dell’emergenza

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Un’analisi grafica e statistica che si aggiornerà automaticamente con i dati forniti da Regione e Asrem


CAMPOBASSO. Da oggi isNews offre ai suoi lettori il Report dell’andamento epidemiologico del SARS-CoV-2: un widget fisso sul nostro quotidiano on line contenente un’esplicativa elaborazione grafica e statistica a cura del Servizio di Protezione Civile-Ufficio Centro Funzionale-Previsione e Monitoraggio della Regione Molise, realizzata grazie ai dati forniti da Regione Molise e Asrem. Dati pubblicati di recente e ancora poco conosciuti dai più.

Tredici slide molto chiare e accattivanti, una vera e propria ‘storia’ del virus in Molise curata dal dottor Antonio Cardillo, che verrà aggiornata in automatico giorno per giorno. Una sintesi davvero esaustiva che isNews intende rilanciare per permettere a chiunque di conoscere più da vicino i numeri dell’epidemia nella nostra regione: dal contagio comune per comune al progressivo giornaliero dei positivi, alla distinzione per sesso ed età degli infetti, dal rapporto tra contagiati e tamponi alla frequenta dei positivi per età e per sesso, ecc. Un’analisi che consente di scoprire particolari molto interessanti: come l’età del positivo più giovane in Molise, un bambino di appena 1 anno, o del più anziano, una donna di 101 anni.

Di seguito, i dati del monitoraggio.

Vediamo di spiegare ciò che i grafici rappresentano, uno per uno.

GRAFICO N. 2. DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEI CONTAGIATI. La mappa rappresenta i contagiati totali per ogni comune della Regione Molise. Il raggio del cerchio è proporzionale al numero dei contagiati.

GRAFICO N. 3. CONTAGIATI TOTALI E INCREMENTE GIORNALIERI. Grafico a doppio asse per via dei numeri dei due termini con 1 ordine di differenza. Il grafico rappresenta i contagiati totali dal 1^ marzo 2020 ad oggi e l’istogramma giornaliero di incremento, per cui per ogni giorno si ha il progressivo dei contagiati e la barra dei nuovi contagi.

GRAFICO N. 4. SCORE DELL’EMERGENZA CORONAVIRUS. Rappresenta l’andamento nel tempo dei contagi, degli attualmente positivi, dei guariti, e dei decessi.

Si definisce clinicamente guarito da Covid-19 un paziente che, dopo aver presentato manifestazioni cliniche (febbre, rinite, tosse, mal di gola, eventualmente dispnea e, nei casi più gravi, polmonite con insufficienza respiratoria) associate all’infezione virologicamente documentata da SARS-CoV-2, diventa asintomatico per risoluzione della sintomatologia clinica presentata. Il soggetto clinicamente guarito può risultare ancora positivo al test per la ricerca di SARS-CoV-2. (leggi qui la definizione ministeriale).

Il paziente guarito è colui il quale risolve i sintomi dell’infezione da Covid-19 e che risulta negativo in due test consecutivi, effettuati a distanza di 24 ore uno dall’altro, per la ricerca di SARS-CoV-2 (leggi qui la definizione ministeriale).

Il calcolo degli attualmente positivi viene effettuato sottraendo ai contagiati totali i deceduti e i guariti (per cui i clinicamente guariti sono inclusi negli attualmente positivi)

GRAFICO N. 5. RELAZIONE FRA CONTAGIATI E NUMERO DEI TAMPONI. Grafico a doppio asse per via dei numeri dei due termini con 1 ordine di differenza. Rappresenta il totale dei contagiati e il totale dei tamponi fatti (nei tamponi fatti non è incluso il numero dei tamponi di controllo, per cui si intendono i nuovi test di verifica di positività).

Sarà interessante vedere, come speriamo, un appiattimento della curva dei nuovi contagiati e un aumento costante (lineare) dei nuovi tamponi.

Attualmente la nostra performance contagiati/tamponi è intorno al 7%, nel tempo più si abbasserà il valore in percentuale, migliore sarà la situazione generale dei nuovi contagi, poiché vorrà dire che se aumentiamo i tamponi non troviamo più positivi (la Lombardia, che ha tantissimi contagi, è intorno al 25%).

GRAFICO N. 6. RELAZIONE TRA CONTAGIATI E SESSO. Rappresenta la diversa distribuzione di contagi fra i due sessi.

GRAFICO N. 7. FREQUENZA DI POSITIVITÀ PER ETÀ. Grafico a violino, rappresenta per i due sessi la frequenza dei positivi per età.

Ad oggi i maschi hanno una maggiore positività nei 50-60 anni, ma con molte positività anche nelle fasce d’età medio basse, le donne nelle fasce medio-alte.

GRAFICO N. 8. ANALISI DEI DECESSI. Il grafico rappresenta come nel tempo sono stati “stressati” i diversi reparti per l’emergenza Covid.

Nel valore altri reparti Covid sono presenti - sia quelli della sanità pubblica che della sanità privata – ma non di Terapia intensiva. Il valore della quale rappresenta il vero valore oggettivo di questa emergenza, poiché è l’unico a cui non è affidata la soggettività dell’operatore a tutti i livelli; il respiratore serve o non serve.

GRAFICO N. 9. STRESS DEI REPARTI OSPEDALIERI. La torta riporta i totali giornalieri di alcuni stati clinici e i totali progressivi di altri. Per essere chiari, il deceduto, purtroppo, non può cambiare la sua condizione, per cui è un progressivo totale; al contrario un grave oggi, migliorando la sua condizione clinica, domani lo possiamo ritrovare nel paucisintomatico (con pochi sintomi lievi) e successivamente nei guariti, per cui è un valore totale giornaliero (variabile nel tempo).

GRAFICO N. 10. STATO CLINICO ATTUALE DEI CONTAGIATI. Il grafico analizza come i deceduti per Covid sono distribuiti in relazione all’età ed al sesso. Sono calcolate anche mediana, 3^ e 4^ quartile, come si nota le donne decedute avevano età concentrate fra 81 e 95 anni, gli uomini età maggiormente distribuite, infatti comprese fra 61 e 97 anni

GRAFICO N. 11. CONTAGIATI PER PROVINCIA. CONTAGIATI PER PROVINCIA. Il grafico rappresenta come sono distribuiti i contagiati sulle 2 province del Molise; nel gruppo altre province sono presenti i contagiati con domicilio in province non molisane, ma con tampone eseguito in Molise.

GRAFICO N. 12. DISTRIBUZIONE DEI CONTAGIATI PER COMUNE DI DOMICILIO. Il grafico riporta il numero totale giornaliero di comuni con almeno un positivo domiciliato nel comune (primo grafico a sinistra) Nei restanti 3 grafici sono riportati i casi totali giornalieri progressivi di positivi per comuni molisani.

Essi sono stati divisi per popolazione residente, Fascia 1 da 1 a 3.000 abitanti; Fascia 2 da 3001 a 10.000 abitanti, Fascia 3 > 10.000 abitanti.

È evidente che i contagiati si sono concentrati in Comuni di fascia 3, dove i contatti sociali sono maggiori.

GRAFICO N. 13. SISTEMA LOCALE DELL’EMERGANZA/COC. Seguendo le disposizioni nazionali, i Comuni con almeno un caso positivo hanno attivato il Coc (Centro Operativo Comunale) previsto dalla pianificazione comunale d’emergenza. Altri comuni, sebbene senza contagiati, hanno attivato il Coc per gestire alcune funzioni di supporto, come la funzione volontariato. Il valore “No data” vuol dire che non si ha riscontro sull’attivazione o meno dei Coc.

Change privacy settings