Polizia locale a Isernia, il Csa incalza Comune e Regione: presto la riorganizzazione del Corpo e una Legge regionale ad hoc

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Molise unico in Italia ad essere rimasto senza. La richiesta dell’individuazione di un comandante, del reclutamento di agenti e della promozione di attività di formazione professionale


ISERNIA. Il Csa torna all’attacco sull’atavica questione delle carenze strutturali, gestionali e organizzative inerenti al corpo di Polizia municipale di Isernia.
Nel ringraziare quei consiglieri comunali che, in merito, hanno avanzato proposta di scorrimento della graduatoria dell’ultimo concorso, il sindacato accusano l’amministrazione di “aver condotto gli uomini e le donne della polizia locale nel baratro più profondo”.
Lamentando, infatti, “silenzio e non curanza verso i lavoratori”, il Csa avanza precise richieste: l’individuazione di un Comandante con apicalità di dirigente, almeno 3 ufficiali (categoria D) per il coordinamento e controllo; almeno 12 agenti per assicurare i servizi nei giorni festivi e negli orari notturni; la formazione professionale di base per i neoassunti e l’aggiornamento per gli operatori già in servizio; la dotazione di strumenti operativi e dispositivi di sicurezza per gli agenti.

Al presidente della giunta regionale, invece, il sindacato chiede il varo di una Legge regionale per la Polizia locale: “Il Molise è l’unica regione rimasta senza”, incalza.

Presentate le istanze, il Csa, per il tramite del segretario generale Ettore Cibelli, e il Dipartimento di Polizia locale si dicono pronti a dare pieno supporto alle forze politiche nel caso intendano affrontare la questione.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

 

Change privacy settings