Tagliato il servizio 118 sulle spiagge molisane. Facciolla: uno scandalo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il servizio di primo soccorso affidato ai bagnini, proprio quando si dovrebbe puntare a lanciare il turismo in regione


CAMPOBASSO. Tagliato il servizio 118 sulle spiagge molisane. Duro il giudizio del consigliere regionale del Pd Vittorino Facciolla.

“Questo significa nessuna ambulanza e nessun medico pronto ad intervenire e prestare il primo soccorso a bagnanti e turisti – ha dichiarato l’esponente dem - Si tratta dell'ennesimo affronto al Basso Molise e l'ennesima scelta incosciente di questo governo regionale. Un affronto del quale i 4 sindaci dei comuni marittimi sono al corrente ma che sino ad ora hanno taciuto”.

“In pratica la vita di tante persone dipenderà dai bagnini, dalla loro esperienza e dai corsi di primo soccorso che hanno fatto – ha rimarcato ancora Facciolla - Ma è normale una governo che taglia i servizi sanitari in estate sulla costa? Lì dove si concentrano il maggior numero di persone e di turisti? Senza contare il fatto che l'unica Tac presente all'ospedale ‘San Timoteo’ è quasi sempre fuori servizio, con la necessità di trasportare i pazienti a Campobasso, quindi percorrere la Bifernina con i suoi molteplici semafori e, quindi lasciare senza servizio ambulanza l'ospedale di Termoli”.

“L’augurio per tutti noi che amiamo il mare molisano – ha concluso il consigliere del Pd - è quello di godere di ottima salute altrimenti, come si diceva in un vecchio film, siamo rovinati. Non sarebbe il caso di dare finalmente seguito all'atto aziendale che prevedeva una seconda ambulanza per Termoli? Ma lo diciamo a chi sta smantellando, pezzo dopo pezzo, ogni servizio”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings