Uffici dell'assessorato all'agricoltura chiusi. Di Lisa replica a Facciolla: "Non è vero"

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il consigliere del PD aveva denunciato presunte inadempienze della struttura nel dare risposte ai tanti agricoltori alle prese con il momento di crisi. La replica arriva dal dirigente della struttura: “Stiamo garantendo tutti i servizi necessari”


CAMPOBASSO. L'assessorato regionale all'agricoltura, per voce del dirigente Nicola Di Lisa, replica alle dichiarazioni rilasciate dal consigliere ed ex assessore Vittorino Facciolla, che aveva denunciato presunte inadempienze degli uffici regionali competenti in relazione ai provvedimenti attesi da migliaia di agricoltori costretti a far fronte al momento di crisi. 

Di Lisa precisa che “la struttura, nonostante le oggettive difficoltà che coinvolgono la Pubblica Amministrazione a causa dell'emergenza Covid, sta assolvendo ai suoi compiti e offrendo, secondo limiti e regole imposte da provvedimenti nazionali e regionali, i servizi necessari.

A conferma di ciò – spiega il dirigente - si specifica che in riferimento al carburante agricolo agevolato, il numero delle ditte risultate inadempienti nel 2017, si è drasticamente ridotto negli anni successivi, compreso il 2020. E tre anni fa, è giusto ricordarlo, non si affrontava certo una emergenza epocale come questa, in cui l'ufficio Uma a Campobasso è comunque aperto al pubblico due volte a settimana (il martedì e il giovedì) e negli altri giorni è attivo in modalità smart working. Ad oggi – continua Di Lisa - le assegnazioni risultano essere ben 4493, un risultato significativo alla luce della fase delicata che stiamo vivendo.

Senza dimenticare le 170 licenze trebbiatura rilasciate e le 25 iscrizioni di nuove aziende. Si precisa, inoltre – spiega ancora Di Lisa - che per quanto riguarda l'assegnazione del carburante ai pensionati, il cambio della norma è stato deciso in occasione del tavolo verde dalle organizzazioni agricole che ne fanno parte (Coldiretti, Cia, Confagricoltura), fatta eccezione di Copagri.

Per rispondere alle esigenze degli agricoltori la struttura ha predisposto la proroga al 31 luglio delle operazione di verifica dei consumi dell'anno 2019 (il provvedimento è disponibile sul sito del PSR Molise).

Quindi gli uffici dell'assessorato – osserva il dirigente della struttura -, nel pieno rispetto delle normative vigenti, sono a disposizione degli utenti secondo le nuove modalità e previa richiesta di appuntamento. Tale modalità è stata messa a disposizione anche dei CAA, che possono essere delegati dagli agricoltori per le questioni legate al gasolio, ed è attiva pure la modalità di invio telematico della documentazione per PEC.

Infine per quanto riguarda la mancata profilazione degli agricoltori, si precisa che gli agricoltori hanno i profili gestiti nei fascicoli aziendali registrati sul Sian da oltre venti anni e ci sono protocolli operativi di interscambio dati attivi, che utilizzano ormai da oltre due anni senza disservizi.

A tal fine lo scorso anno è stata approvata una delibera di giunta regionale per completare la fase operativa, con l'auspicio di chiudere tale procedura entro l'anno, in modo da consentire di velocizzare e migliorare il sistema.

Gli sforzi compiuti dalla struttura in questi mesi - conclude Nicola Di Lisa - non sono stati indifferenti, la speranza è che, compatibilmente con il superamento dell'emergenza sanitaria, si possa tornare presto a pieno regime.”

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!