Imprese escluse dalla cassa in deroga: Regione silente

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Comitato regionale dell’Inps per il Molise: nessuna comunicazione da parte dell’ente. E non si conosce neppure il numero esatto di istanze presentate alla Regione dalle aziende in crisi


CAMPOBASSO. Assenza di comunicazioni da parte della Regione alle imprese che non hanno visto accolta la domanda di cassa integrazione in deroga. E, come se non bastasse, assoluta incertezza sul numero esatto di istanze presentate alla Regione dalle aziende in crisi.

La denuncia pubblica porta la firma di Andrea Cutillo, presidente del Comitato regionale dell’Inps per il Molise il quale, in una nota stampa, spiega come rispetto alle criticità rilevate in materia di Cassa integrazione guadagni in deroga (Cigd), per due volte sia stato interessato il presidente Toma.

Con due diverse note, Cutillo a nome del Comitato ha chiesto di conoscere se alle aziende che hanno visto il non accoglimento della Cassa in deroga, magari per errori procedurali, oppure perché le aziende stesse si sono dirette verso strumenti di integrazione salariale non ad esse spettanti, sia stata fornita apposita comunicazione utile. Con essa, le aziende interessane potrebbero infatti orientarsi verso l’ammortizzatore sociale eventualmente corretto, per dare sostegno economico ai dipendenti sospesi dall’attività lavorativa. “Ad oggi – si conclude la nota - l’organismo collegiale in seno all’Inps non ha ricevuto alcuna risposta. Pertanto, con rammarico, il Comitato regionale prende atto di tale mancato riscontro, auspicando che già dalle prossime ore possano pervenire dai vertici della Regione Molise le informazioni richieste”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings