Coronavirus e tamponi drive-in, Toma: soltanto con scenari preoccupanti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il chiarimento del governatore Donato Toma, che ha rigettato le accuse dell’opposizione in Consiglio regionale, sulla gestione dell’emergenza sanitaria


CAMPOBASSO. “Aree drive-in per fare i tamponi del Coronavirus anche in Molise? Soltanto se la pandemia assume scenari preoccupanti”. Lo ha detto il governatore del Molise Donato Toma, nella conferenza stampa in cui ha annunciato l’avvio della campagna di vaccinazione antinfluenzale e ha fatto il punto sulla gestione dell’emergenza sanitaria.

“Leggo alcune cose strane – le sue parole, riferite all’opposizione in Consiglio regionale e in particolare ai consiglieri del Pd – ma è facile fare politica sulle disgrazie, sedersi e parlare. In questo momento ci vorrebbe una coesione politica e sociale massima, non un'aggressione totale al sistema da parte di chi ci ha lasciato i debiti che io sto pagando, perché io di debiti non ne ho fatto”.

“Poi sento lanciare questa proposta dei drive-in anche in Molise - ha aggiunto Toma - Noi gli spazi ce li abbiamo, ma senza personale chi li fa i tamponi? Si parla di file, ma sapete che a Roma hanno fatto 10 ore di fila per fare i controlli? Poi non posso portare la gente a mettersi in coda a Selva Piana, se ci atteniamo alle norme di prevenzione non c'è bisogno dei dei drive-in che attiveremo solo se sarà necessario - ha concluso - e se la pandemia assumerà scenari preoccupanti”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

 

Change privacy settings