Oscar del turismo in sicurezza al Molise, Primiani: "Toma e Cotugno ancora una volta assenti"

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Per il portavoce 5Stelle il prestigioso riconoscimento nazionale per le misure anti-contagio adottate da strutture ricettive e ristoranti del Molise è solo il frutto di un impegno rispetto al quale la Regione non ha mosso un dito


CAMPOBASSO. “Non vanno neanche a ritirare i premi. Ebbene sì, né il presidente di Giunta, Donato Toma, né l’assessore al Turismo Vincenzo Cotugno, intervenuto solo in videoconferenza bontà sua, hanno presenziato alla consegna dei premi TTG Travel Experience di Rimini, la più grande fiera di settore d’Italia”. Angelo Primiani, portavoce 5Stelle in Consiglio regionale, critica l’atteggiamento dell’esecutivo di Palazzo Vitale dopo l’importante riconoscimento tributato al Molise con il Covid Safety Index, che misura la percezione dei viaggiatori in merito alle misure anti-coronavirus adottate da hotel, ristoranti e attrazioni.

“Un premio – sottolinea Primiani - ottenuto solo grazie alla professionalità, alla serietà e ai sacrifici degli operatori. I vertici istituzionali, invece – accusa il portavoce pentastellato - non stanno muovendo un dito per supportare il settore e dargli una visione. E non stanno facendo nulla nonostante 1 milione e 300.000 euro spesi per stilare un discutibile ‘Piano strategico’ per l’intero comparto. Un piano che, da cronoprogramma, entro settembre doveva portare in Consiglio regionale il Testo unico sul Turismo di cui al momento invece non vi è traccia”.

Ma secondo Primiani ciò che manca è la visione. “Il grosso afflusso di turisti – osserva - doveva essere utilizzato per ottenere finalmente una solida base di dati utile a raccogliere l’opinione di quanti sono arrivati in regione, comprenderne il grado di soddisfazione, quindi capire quali e quanti servizi realizzare o migliorare. Invece nessuno ha pensato di somministrare alcun questionario, nemmeno di conteggiare le presenze, la distribuzione sul territorio.

La Regione deve svegliarsi, perché realizzare un piano, peraltro discutibile, e un paio di video promozionali non può essere sufficiente a sostenere il settore. Come insufficienti sono le notizie riguardanti la stagione invernale alle porte o le attività che già dovrebbero essere in programma per la prossima stagione estiva.
È la conferma – conclude Angelo Primiani - che in Molise la programmazione, quando si fa, è improvvisata e discontinua. E allora, forse, l’assenza a Rimini va vista come una sincera ammissione di inadeguatezza da parte dei vertici istituzionali”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings