‘Dalla parte dei diritti’, in piazza a Campobasso. Il sostegno del Comune e la rete Ready

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

A spiegare la posizione dell’Amministrazione l’assessore alle Pari opportunità Paola Felice. Presenti i consiglieri del Pd e de La Sinistra


CAMPOBASSO. ‘Dalla parte dei diritti’, si è tenuta anche a Campobasso, come in tante altre città d’Italia, la manifestazione organizzata dall’Arcigay Molise, per promuovere la realizzazione di una legge nazionale contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia.

La manifestazione ha ricevuto anche il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Campobasso, presente in piazza Municipio con, tra gli altri, l’assessore alle Pari Opportunità e vice sindaco, Paola Felice.

arcobaleno“Il Parlamento è impegnato nella discussione della proposta di legge contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia, conosciuta col nome di ddl Zan - ha detto l’assessore Felice - e parlare anche a livello locale della necessità di ottenere una legge in grado di contrastare la violenza e le discriminazioni verso le persone LGBTI+ e le donne, diventa un momento di confronto pubblico indispensabile per progettare l’attuazione di politiche concrete in tal senso”.

“Il Disegno di Legge Zan – ha specificato Felice - era calendarizzato per la discussione in Parlamento già dallo scorso 31 marzo, ma a causa dell’emergenza Covid 19, è stato posticipato. Come nazione innanzitutto, con questo ddl, l’Italia ha intanto l’occasione concreta di colmare un vuoto giuridico oramai divenuto insopportabile e che espone quotidianamente le vittime dell’odio omo-bi-transfobico di tutto il Paese ad un’assenza perdurante di tutele specifiche. È la stessa Europa, fra l’altro, che ce lo chiede, e che, come tutti noi, auspica l’intervento del nostro Legislatore già dal 2006.”

Campobasso ha le idee chiare su questo tema e la città ha già mostrato di saper fare la sua parte quando si tratta di contrastare discriminazioni e violenze fondate su sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere. 

biglietto"Ai processi nazionali vanno sempre affiancati atti diretti che le Amministrazioni possono e devono compiere – ha aggiunto l’assessore Felice - e nello specifico l’Amministrazione di Campobasso si avvia a portare all’attenzione del Consiglio comunale, dopo i doverosi passaggi nelle Commissioni consiliari dei mesi scorsi, l’adesione della nostra città alla RE.A.DY, ovvero la Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali impegnati per prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, anche in chiave intersezionale con gli altri fattori di discriminazione – sesso, disabilità, origine etnica, orientamento religioso, età – riconosciuti dalla Costituzione, dal diritto comunitario e internazionale. L’adesione alla RE.A.DY - ha concluso - prevede una serie di impegni, primo fra tutti il dialogo con la società civile e con l’associazionismo del territorio cosa che continuiamo a portare avanti concretamente sin dall’inizio del nostro mandato e che ci ha permesso, come Amministrazione, tra le altre a cose, anche di poter finalmente assegnare all’Arcigay Molise una sede presso la struttura del Terzo Spazio.”

Alla manifestazione hanno aderito i consiglieri comunali del Pd e de La Sinistra. “Ci sono movimenti di protesta storici che, raggiunto l'obiettivo, si sono sciolti o hanno perso forza, lasciando un mondo migliore per tutti – hanno dichiarato Giose Trivisonno, Alessandra Salvatore, Antonio Battista e Bibiana Chierchia – L’augurio ai movimenti legati alla comunità LGBT italiana e mondiale è di vincere la battaglia per il diritto ai diritti e potere abbandonare la trincea delle rivendicazioni. Ancora oggi, purtroppo, è necessario ‘urlare’ per l'ingiustizia e la negazione di diritti fondamentali”. 

“Come si può vivere – hanno aggiunto i dem - sapendo di rischiare, nel 2020, un pestaggio solamente perché si vuol fare una passeggiata con il proprio compagno/a o di rischiare di morire perché non si risponde ai canoni di ‘normalità’ di chi si arroga il diritto di decidere della vita altrui? Campobasso ha aderito alla rete Re.A.Dy grazie ad una mozione che, ad esempio, il consiglio comunale di Pescara, ha bocciato. Si tratta, dunque, anche e soprattutto di una questione politica e siamo fieri che la nostra sia una città accogliente. Sarebbe bello sapere e capire - hanno concluso - se anche la Regione Molise vorrà sostenere ed aderire alla rete Ready”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

Change privacy settings