Emergenza sanitaria, Calenda va giù duro: “Sì all’Esercito…per cacciare Florenzano, Scafarto, Grossi e Giustini”

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il duro commento della vice presidente del Consiglio regionale alla luce della drammatica evoluzione dell’epidemia in Molise


CAMPOBASSO. La recrudescenza dell’emergenza sanitaria in Molise spinge la vicepresidente del Consiglio regionale Filomena Calenda a un duro sfogo su Facebook, con il quale attacca a testa bassa i vertici Asrem e la struttura commissariale per la gestione – a suo avviso sbagliata – dell’epidemia.
Uno sfogo che raggiunge l’acme con l’espressione: “Certo che l’esercito deve raggiungere il Molise, ma per cacciare di corsa Florenzano, la Scafarto, Ida Grossi e pure Giustini”.

Ma ecco il testo integrale: “Sento da più parti affermare ‘siamo in guerra’. È vero è un anno di battaglie contro un nemico che pare essere più forte di noi. È più forte perché è un virus mai studiato in precedenza, ma diventa sempre più forte perché ormai da un anno ci trova sempre impreparati. Siamo impreparati perché chi dovrebbe essere impegnato in questa lotta di contrasto e di prevenzione, e mi riferisco all’Asrem e alla struttura commissariale, ha speso le proprie energie in diatribe poco gratificanti. Questo essere in guerra non deve assumere le caratteristiche di una scusante che prende in giro i molisani. I troppi morti devono pesare come macigni sulle coscienze di chi poteva fare e non ha adempiuto ieri e anche oggi. Vogliamo parlare di guerra e parliamone pure.

Il commissario ad acta, il generale in pensione Angelo Giustini, - affonda Calenda - dovrebbe conoscerne le tattiche di difesa e di attacco. Che cosa ha prodotto per difenderci dalla incontrollata diffusione del virus, che circola anche negli ospedali e cosa avrebbe prodotto per annientare questo maledetto virus. Cosa la struttura commissariale, nelle persone del commissario Giustini e Ida Grossi, avrebbe in questo ultimo anno attuato oltre le frizioni interne che sono sotto gli occhi di tutti. Il governo ci ha imposto una struttura commissariale che noi molisani paghiamo profumatamente per produrre la mattina documenti per poi la sera ritirarli. Più che in guerra sembra essere finiti in un parco giochi, peccato però che il gioco che sta andando in onda è funesto e noi molisani siamo senza armi e munizioni. Stiamo facendo ridere l’Italia intera, mentre la gente si ammala e muore sola nelle sofferenze più dolorose. Non si può più accettare tutto questo.

L’Asrem cosa avrebbe prodotto se non un fallimento? – ancora la consigliera - Era dovere dell’azienda sanitaria nella persona del dg Oreste Florenzano ed era nelle prerogative del direttore generale della salute, la Scafarto, garantire la massima efficienza della sanità molisana, avrebbero dovuto collaborare con la struttura commissariale e invece le scarne comunicazioni ufficiali che arrivano dall’Asrem non corrispondono neppure alla realtà delle cose.

Siamo tutti finiti in un incubo senza risveglio? Da un anno circola il virus, siamo stati più fortunati nella prima ondata, ma nessuno ha pensato di preparare, di affilare le armi, visto che siamo in guerra, per affrontare questa seconda ondata? Eppure se ne parlava e se ne parla ogni santo giorno. Su ogni canale televisivo, su ogni quotidiano, sul web, sulle circolari ministeriali e nelle linee guida si è evidenziata la necessità di affrontare inevitabilmente una nuova ondata emergenziale. Non credo che la stoltezza sia nel Dna delle sopracitate personalità. Di grazia, allora per quale motivo avete sottovalutato l’emergenza? Siamo in guerra contro un virus e per questo si stanno allestendo tendoni da circo per accogliere la dignità umana colpita dal virus del Covid e da quello dell’incapacità gestionale. Si parla di guerra e si ordinano container per infilarci i malati. Si parla di guerra e si richiede l’esercito.

Sono mesi che il commissario avrebbe annunciato l’arrivo di medici chissà da quale parte del mondo per aiutarci, peccato però che bastava chiamare in servizio medici e operatori sanitari che lo scorso settembre avevano risposto ad un bando la cui graduatoria non è mai stata pubblicata, che fine ha fatto? Si è persa nel viaggio insieme ai medici venezuelani? Certo che l’esercito deve raggiungere il Molise, - conclude caustica Calenda - ma per cacciare di corsa Florenzano, la Scafarto, Ida Grossi e pure Giustini. I molisani non meritano questa sorte, non meritano questo teatrino fatto di promesse, annunci e ritirate. Peccato che la guerra in Molise la stanno vivendo i molisani soli, perché i generali che ci hanno inviato era meglio non averli tra i piedi”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

Change privacy settings