Scuola, una legge per l’albo unico degli assistenti per l’autonomia e la comunicazione: la proposta di Cefaratti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Presto l’esame in IV Commissione, poi il passaggio in Consiglio regionale


CAMPOBASSO. Approda in Regione la proposta di legge per l’istituzione dell’albo unico degli assistenti per l’autonomia e la comunicazione. A presentarla il capogruppo di ‘Orgoglio Molise’ Gianluca Cefaratti.
“Una legge necessaria – commenta - per disciplinare la figura degli assistenti per l’autonomia e la comunicazione nel mondo scolastico. Una legge assolutamente nuova, non disciplinata dalle altre regioni d’Italia e soprattutto a costo zero, senza alcun onere diretto o indiretto a carico del bilancio regionale”.

La figura dell’assistente per l’autonomia e la comunicazione non è ancora considerata a pieno titolo come parte del mondo scolastico, con propri diritti e doveri, senza il giusto riconoscimento professionale. Una figura necessaria nel mondo della scuola di oggi, che prevede professionalità specialistiche e di supporto all’insegnamento e all’inclusione. Un assistente “ad personam” che facilita l’interazione dello studente disabile, con i soggetti che comunicano con lui nel contesto scolastico e sociale. Tale figura è prevista dalla legge 104 del 1992, una legge che non specifica in maniera dettagliata quali debbano essere i titoli o i requisiti per poter svolgere il ruolo di assistente scolastico specialistico per l’autonomia e la comunicazione.

La proposta di Legge, presentata dal presidente della IV Commissione Consiliare, è rivolta a disciplinare il ruolo dell’assistente per l’autonomia e la comunicazione, attraverso: a) l’istituzione di un Albo Regionale, definito in base ai punteggi di ciascun iscritto sulla base dei titoli posseduti, dal quale gli Enti territoriali possano attingere per far fronte alle richiesta degli istituti scolastici, selezionando le varie figure professionali a seconda delle competenze richieste dalle singole scuole; b) l’attivazione di intese e protocolli con l’Università degli Studi del Molise e con gli Enti regionali di formazione professionale per concorrere al riconoscimento e alla promozione del ruolo professionale anche tramite corsi di aggiornamento obbligatori; c) obblighi, per gli Enti locali, nel garantire agli alunni con disabilità fisiche o sensoriali la possibilità di richiedere l’assegnazione di assistenti per l’autonomia e la comunicazione.

La proposta sarà presto esaminata in IV Commissione, prima di passare in Consiglio regionale.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto! 

Change privacy settings