Consulta boccia legge sulla caccia, Facciolla: "Fallimento dell'assessore Cavaliere"

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Corte si è pronunciata favorevolmente sull’impugnativa promossa dal governo centrale. Illegittima l’estensione, sancita con legge della Regione, del periodo di caccia agli ungulati per tutt’l’arco temporale della stagione venatoria. La norma viola gli standard minimi di tutela della fauna salvatica


CAMPOBASSO. “Quello che accade nella nostra regione da oltre tre anni ha dell’incredibile”. E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Pd in relazione alla legge sulla caccia al cinghiale, voluta dall’assessore Nicola Cavaliere.

“Era palese – accusa in una nota Facciolla - che la norma regionale sulla caccia al cinghiale fosse illegittima ma adesso arriva la conferma dalla Corte Costituzionale che ha dato ragione alla Presidenza del Consiglio che aveva presentato ricorso contro la legge della Regione Molise”.

“Questa volta – aggiunge il segretario regionale del Partito Democratico - l’errore commesso dall’assessore Cavaliere è quello di aver esteso il periodo di caccia al cinghiale per tutta la durata della stagione venatoria, lo ha fatto con l’articolo 12 comma 5 della legge della Regione Molise 30 aprile 2020”.

“La Presidenza del Consiglio dei Ministri – ricorda Facciolla - ha presentato un ricorso contro la legge regionale in virtù della legge n.157 dell’11 febbraio 1992 ‘Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio’ che prevede standard minimi di tutela della fauna sull’intero territorio nazionale, non derogabili in peius nell’esercizio della competenza legislativa residuale regionale in materia di caccia’. In buona sostanza – spiega l’esponente politico di San Martino in Pensilis - il nostro assessore, invece che mettere in campo norme aventi valenza regionale o misure mitigative anche a valere sul Programma di Sviluppo Rurale (che aveva la necessaria capienza) per difendere le proprietà degli agricoltori fortemente danneggiate dagli ungulati, ha fatto altro e con la sua legge sulla caccia al cinghiale ha invaso il campo di competenza che, in questo caso, è esclusivamente dello Stato.

A guardare i risultati di questo triennio - conclude Vittorino Facciolla - è chiaro che l’assessore Cavaliere ha completamente trascurato l’ambito dell’agricoltura, tralasciando ogni attività o programmazione, per dedicarsi esclusivamente a quello della caccia. La brutta notizia è che non è stato capace di fare neanche quello rendendo così palese un fallimento a 360°”.

 Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

 

Change privacy settings