Riapre il Punto nascite dell’ospedale di Termoli. Il Tar accoglie la richiesta di sospensiva

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il ricorso presentato dal sindaco Roberti e dagli amministratori degli altri comuni del Basso Molise. La Camera di Consiglio fissata per l’8 settembre


TERMOLI. Il Punto nascite dell’ospedale San Timoteo di Termoli può riaprire. Lo ha deciso il Tar Molise, che ha accolto il ricorso dei sindaci, guidati dal primo cittadino di Termoli Francesco Roberti oltre che da un gruppo di mamme e dall’associazione ‘Molisanità L113’ e che ha concesso la sospensiva, in attesa della Camera di Consiglio, fissata per l’8 settembre.

A redigere il ricorso, contro l’Asrem, la struttura commissariale, la Regione Molise e i Ministeri, gli avvocati Vincenzo Iacovino, Vincenzo Fiorini, Giuseppe Fabbiano Massimo Romano.

Il Punto nascite di Termoli era stato chiuso alcuni giorni fa, dopo la morte di un neonato, avvenuta a poche ore di distanza dalla nascita con parto cesareo. Decisione annunciata dall’Asrem, in accordo con le indicazioni del commissario alla sanità Flori Degrassi.   

“Rilevato che la misura oggetto d’impugnativa, data anche la gravità dei suoi impatti, potrebbe giustificarsi solo se dotata di efficacia contenuta entro un intervallo temporale predeterminato e assai breve – ha scritto il presidente della Prima sezione del Tar Molise Nicola Gaviano - dovendo diversamente essere sorretta da precise risultanze istruttorie e un’esaustiva motivazione, nella specie non fornite; osservato, per converso, che i provvedimenti impugnati dispongono invece - almeno allo stato - una sospensione sostanzialmente a tempo indeterminato del servizio di cui in atti; rtenuto, per quanto precede, che poiché il periculum in mora prospettato integra il requisito della estrema gravità e urgenza, l'istanza cautelare in esame meriti accoglimento, accoglie l'istanza di misure cautelari monocratiche proposta dalla parte ricorrente nei termini di cui in motivazione. Fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio dell’8 settembre 2021”.

Aoddisfazione da parte dei legali che hanno curato il ricorso, “per questa prima importante vittoria, che tutela i diritti fondamentali e la pubblica sicurezza non solo dei cittadini del basso Molise, ma dell’intera comunità”.

"La decisione del Tar di riaprire il punto nascite dell’ospedale di Termoli – hanno dichiarato gli avvocati Iacovino, Fiorini, Fabbiani e Romano - è una risposta chiara e decisa, anche a tutela di tutte le donne che erano in procinto di far nascere i propri figli e che, grazie a tale decisione, non saranno costrette a subire stress e disagi improvvisi a pochi giorni dal parto. Adesso si aprono anche riflessioni sulla gestione della sanità e sul ruolo che ha assunto la politica sulla programmazione e gestione della sanità. Solidarietà alla famiglia che ha avuto la prematura e grave perdita”.

C.S.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings