Tokyo 2020, Maria sul tetto del mondo e la gioià di papà Bernardo: il mio cuore è in alto

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Emozioni indescrivibili per il maestro Centracchio, primo allenatore e tifoso della figlia judoka, medaglia di bronzo alle Olimpiadi


ISERNIA. “Il mio cuore è in alto e non riesco a scendere sulla terra”. Poche parole, affidate ad un post su Facebook, bastano a raccontare le emozioni di Bernardo Centracchio, papà – ma anche primo allenatore e tifoso – di Maria, la judoka di Isernia vincitrice questa mattina della medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo.

“Non sono riuscito a dirle nulla, appena ho sentito la sua voce ho pianto, ma ora lo dico a voi: è stata grandiosa – ha detto all'Ansa - Maria aveva cinque anni quando ha iniziato. Non ci aspettavamo la vittoria di oggi. È stata l'impresa che ha premiato tutti i suoi sacrifici". Grande emozione anche per la mamma Silvia: "Il mio cuore è con lei a Tokyo".

Maria rientrerà il 5 agosto. E per l'8 agosto proprio il suo papà ha organizzato una grande festa alle Sorgenti di Rocchetta a Volturno, suo paese d'origine alla quale, oltre ad amici e amanti del judo, sono state invitate le istituzioni molisane. 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui   e salva il contatto!

 

Change privacy settings