Boccata d'ossigeno per i fornitori del Comune: pronta la metà del credito

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
[caption id="attachment_8224" align="alignleft" width="200"] Luigi Brasiello[/caption]

Pagamenti pronti per metà delle spettanze. Buona notizia per i fornitori del Comune di Isernia, da mesi in attesa di riscuotere i crediti vantati nei confronti dell'ente di Piazza Marconi. Il presidente della Camera di Commercio di Isernia, Luigi Brasiello, assistito dal segretario generale dell’ente, Francesco Potena, ha fatto visita nella giornata di ieri al commissario straordinario del Comune di Isernia, Annunziato Vardè, per portare all’attenzione dello stesso le istanze delle imprese del territorio sui ritardi dell’ente circa i pagamenti  per opere e lavori realizzati per conto del Comune. Al termine dell’incontro il commissario ha rassicurato Brasiello di aver disposto, pur in un contesto finanziario difficilissimo per il Comune, alle prese con il mancato rispetto del Patto di stabilità e con i tagli del Governo verso le autonomie locali, che gli uffici comunali si attivino immediatamente per l’emissione di mandati di pagamento, pari ad una percentuale del 52 per cento circa del credito vantato, a favore di quelle imprese che hanno finora maturato crediti per opere e lavori realizzati con fondi comunali. Il tutto non appena nell'arco di pochi giorni, quando il competente ministero dell’Economia avrà dato il via libera tenendo conto di quanto previsto dal D.L. n. 16/2012, convertito in legge n. 44/2012 (patto di stabilità interno verticale incentivato). La Camera di Commercio, da sempre portatrice delle istanze delle imprese, preso atto di quanto dichiarato dal Commissario, ritiene che i tempi di pagamento della P.A. debbano essere notevolmente ridotti, possibilmente come avviene per l’Ente camerale che soddisfa i propri fornitori nel termine massimo di giorni 30 dal ricevimento della fattura. Vanno, pertanto, riviste tutte quelle disposizioni come il Patto di stabilità che non consentono agli enti locali, pur avendo in cassa liquidità disponibili, di pagare i debiti per forniture, lavori ed opere. Quindi il Presidente Brasiello ha ringraziato il Commissario Vardè a nome di tutte le imprese interessate.

 
Change privacy settings