Toma nuovo commissario alla sanità: la nomina del Governo

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La proclamazione del governatore questo pomeriggio nel Consiglio dei Ministri. Annamaria Tomasella resta sub commissario


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Il governatore del Molise Donato Toma è il nuovo commissario alla sanità del Molise. La notizia è stata appena ufficializzata. La decisione del presidente del Consiglio Mario Draghi, di concerto con il ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro dell’Economia e Finanze Daniele Franco e il ministro delle Autonomie Mariastella Gelmini. 

La proclamazione questo pomeriggio in Consiglio dei Ministri da parte dello stesso premier Draghi, con il presidente della Regione che è quindi intervenuto per indicare i suoi obiettivi per il risanamento della sanità in Molise.

“Ora cambia il timoniere – le prime parole a caldo di Donato Toma  a isNews - che si coordinerà con la sua squadra”. Una squadra della quale farà parte anche Annamaria Tomasella, che era stata nominata sub commissario, con Flori Degrassi commissario. E che resta al suo posto, con il ritorno del commissariamento al presidente della Regione. Come era stato con Paolo Di Laura Frattura e prima di lui Michele Iorio. 

“Ho tre obiettivi: azzerare il disavanzo, attuare il Patto per la salute, rendendo finalmente efficiente il Sistema sanitario, e porre fine allo strumento del commissariamento”, ha quindi specificato Toma.

“Il Governo Draghi – ha aggiunto – mi ha dato ragione: il commissario alla Sanità in Molise deve essere il presidente della Regione. Le mie richieste sono state accolte e si è dimostrato che soluzioni diverse non sono efficaci. Adesso occorre recuperare il tempo perso e lavorare nell’unica direzione necessaria: tutelare il sacrosanto diritto alla salute dei molisani. Lo faremo di concerto, valorizzando tutte le professionalità del comparto sanitario e parasanitario, ascoltando, confrontandoci e decidendo".

"Al Governo - ha puntualizzato - ho già anticipato che presenterò delle richieste precise, con cronoprogramma e obiettivi. Subito: risorse economiche per azzerare il deficit, risorse umane per dare continuità e maggiore efficienza al servizio, sostegno da parte dell’Agenas. Il mio obiettivo è quello di porre fine allo strumento del commissariamento entro la scadenza del mio primo mandato e ridare così alla Regione la potestà legislativa in materia sanitaria”.

“Sono soddisfatto, tutti ricorderete le mie battaglie, con i Governi precedenti, per essere nominato commissario. Oggi - ha concluso - abbiamo finalmente avuto ragione”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings