Isernia: “Servizio di eccellenza, l'Emodinamica del Veneziale deve restare aperta”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il candidato sindaco Cosmo Tedeschi ribadisce la necessità di salvaguardare quello che è a tutti gli effetti un fiore all'occhiello della sanità e si dice pronto a impugnare il Pos al Tar, se necessario


ISERNIA. Salvaguardare ad ogni costo il servizio di Emodinamica dell'ospedale 'Veneziale' di Isernia, considerato fiore all'occhiello della sanità molisana. Lo ribadisce a gran voce il candidato sindaco Cosmo Tedeschi alla luce del nuovo Piano operativo sanitario 2019-2021, recentemente adottato.

Nel Pos, firmato dal governatore-commissario Donato Toma, non figura la Cardiologia con l'Emodinamica, che di fatto è ricomparsa al San Timoteo di Termoli, in quanto si trova in una posizione geografica considerata più strategica e quindi in grado di attrarre maggiore utenza.

Per l'aspirante primo cittadino ci sono degli aspetti, fondamentali, di cui va tenuto necessariamente conto. Primo fra tutti la sicurezza.

“La sicurezza – spiega -  va valutata con dati oggettivi. Secondo l’Agenas, la mortalità per infarto a un mese nel 2019 (i dati 2020 non sono ancora disponibili) è stata nell’ospedale di Isernia la più bassa del Molise. Nello specifico la metà rispetto a Termoli e un terzo inferiore al Cardarelli di Campobasso. Non solo. È infatti risultata essere una delle più basse in Italia.

L’altro dato da considerare è il numero di procedure per operatore. Secondo la Società di cardiologia interventistica, per mantenere l’addestramento un operatore dovrebbe effettuare 75 interventi di angioplastica coronarica percutanea transluminale (Ptca). A  Isernia l’unico operatore presente effettua circa 200 Ptca all'anno (fino ad oggi nel 2021,134 Ptca e 310 procedure in totale). Vale a dire la più alta rispetto a tutti i cardiologi interventisti in servizio presso gli ospedali pubblici molisani. A conti fatti, in base a questi due dati, appare chiaro che il paziente che si ricovera a Isernia è in piena sicurezza”.

 

Altro aspetto da valutare, secondo Tedeschi, è quello economico. “La chiusura – evidenzia -  non determinerà una riduzione della spesa perché  le attrezzature (sala con angiografo) resteranno per l’elettrostimolazione, il materiale di consumo (stent e cateteri) saranno ugualmente utilizzati a Campobasso. Inoltre il personale è già presente e dovrà essere integrato con un medico emodinamista, così come previsto dal concorso per 5 cardiologi deliberato dalla Asrem 20 giorni fa”.

C'è poi un'altra questione da valutare, di certo non secondaria: la perdita di pazienti provenienti da altre regioni, Abruzzo e Campania soprattutto. 

“Il Veneziale – evidenzia il candidato sindaco – attualmente accoglie i pazienti affetti da Sindromi Coronariche Acute (Sca) provenienti dall'ospedale di Castel di Sangro. Con la chiusura di Emodinamica casi di questo tipo dovranno essere trattati a Campobasso. A quel punto è naturale che si preferirà trasferire i pazienti presso l'ospedale di Avezzano”.

E c'è di più. “Nei casi in cui  l’Emodinamica di riferimento di Formia non ha disponibilità di posti letto – prosegue infatti  Tedeschi – a Isernia vengono trasferiti pazienti affetti da infarto miocardico acuto (Sca Nstemi). Inoltre anche per l'Alto Casertano, la Cardiologia di Isernia è un punto di riferimento”.

Secondo Tedeschi dunque, sarebbe un errore gravissimo privare il territorio di un servizio indispensabile. “Parliamo di patologie tempo-dipendenti – sottolinea infine – Sarebbe profondamente ingiusto non garantire la stessa assistenza a chi vive nelle zone interne. I pazienti che abitano in Alto Molise hanno il sacrosanto diritto di ricevere lo stesso trattamento di quelli che vivono a Termoli o Campobasso. Per questo, se necessario, sono pronto anche a impugnare il Pos al Tar”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

Change privacy settings