Gravina visita le scuole e Trivisonno attacca: su mancate riaperture famiglie avvisate in extremis

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Negli istituti dell’infanzia di via Tiberio e via Berlinguer inizio delle lezioni slittato a lunedì 20 settembre


CAMPOBASSO. Primo giorno di scuola a Campobasso, fatta eccezione per le scuole dell’infanzia di via Tiberio e via Berlinguer, per cui l’apertura è slittata a lunedì 20 settembre.

Questa mattina, per il rientro in classe, la visita del sindaco Roberto Gravin e dell’assessore all’Istruzione del Comune di Campobasso, Luca Praitano, che hanno portato il proprio personale augurio e quello dell’Amministrazione comunale in tutte le sedi degli Istituti Comprensivi scolastici di Campobasso, incontrando così dirigenti, docenti, personale e soprattutto i ragazzi.
 
“Questo primo giorno di scuola è davvero un nuovo inizio per tutti. – ha detto il sindaco Gravina – Un nuovo inizio per i ragazzi, per le loro famiglie e per tutti i rappresentanti del mondo della scuola che in questo anno e mezzo si sono ritrovati ad affrontare le difficoltà dell'emergenza pandemica in modo diretto e che, con altrettanto impegno, per mesi, hanno assolto ai loro diversi compiti e funzioni in condizioni non paragonabili almeno a quelle del più recente passato. Al mondo della scuola nel suo complesso va non solo il nostro augurio ma il nostro grazie per aver compreso l'eccezionalità di questi tempi e per aver risposto con i fatti alle sfide che hanno incontrato”.

Non è mancata tuttavia la polemica. “Gli zaini sono pronti, le scuole no – ha affermato il capogruppo del Pd Giose Trivisonno - Non voglio ‘speculare’ sul ritardo nella apertura di via Tiberio e via Berlinguer, comunque problematico per le famiglie, avvisate all’ultimo minuto. Mi limito ad immaginare, a parti invertite, cosa avrebbero combinato Cretella, Gravina, Simonetti ed altri attuali colleghi consiglieri, per un rinvio disposto il pomeriggio prima della apertura e non motivato. Anzi. Non devo immaginare. Mi basta pensare a ciò che è stato”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings