Molise antifascista, il Consiglio non decide. Fanelli: rinviata la mozione per sciogliere Forza Nuova

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Da Pd e M5s chiesta anche la modifica dello Statuto regionale. La presa di posizione dopo i gravissimi fatti di Roma e l’occupazione della Cgil


CAMPOBASSO. Molise antifascista, la capogruppo del Pd Micaela Fanelli contesta la scelta della maggioranza di centrodestra, di rinviare il dibattito e il voto sulla mozione presentata oggi in Consiglio regionale.

“Come è possibile esprimere solidarietà e vicinanza alla Cgil – le parole della dem - e poi votare contro l'immediata discussione della mozione per lo scioglimento di Forza Nuova e di tutti i movimenti politici di chiara ispirazione neofascista? Un controsenso senza alcuna logica, quello di un centrodestra che ha votato prima a favore dell’iscrizione dell’atto, ma contrariamente alla sua immediata discussione chiesta da noi esponenti del Pd e sostenuta dai colleghi del M5s e per la quale, della maggioranza, si sono espressi favorevolmente solo il presidente Micone e la consigliera Romagnuolo”.
 

“Dopo la sospensione chiesta dal consigliere Quintino Pallante – ha aggiunto Fanelli - nel centrodestra è, infatti, prevalsa la linea che ha voluto rinviare la discussione della mozione a data da destinarsi. Sulla condanna del fascismo e dei suoi rigurgiti il centrodestra anche in Molise continua a inciampare. Perché? Perché si continua a dire ‘no alla violenza fascista’ senza poi agire di conseguenza? Un'altra occasione persa proprio oggi che l'Aula aveva, invece, la possibilità di aderire, in modo bipartisan a una battaglia istituzionale per un impegno preciso che, oltre allo scioglimento di Forza Nuova, chiede la modifica dello Statuto regionale. Modifica quest'ultima per la quale ho presentato un'apposita proposta di Legge che va nella direzione di colmare, nei primi tre articoli del testo, l'assenza del richiamo alla Resistenza e all'antifascismo che oggi è da intendersi come una mancanza inaccettabile”.
 

“Parliamo di un’assenza doverosa da riempire, dopo i fatti di Roma che impongono con urgenza la necessità di ribadire formalmente il ripudio di rigurgiti fascisti e qualsiasi forma di squadrismo. E’ l’antifascismo la radice culturale da cui sono nate la Repubblica italiana e la sua Carta Costituzionale che rappresentano lo strumento democratico contro ogni forma di totalitarismo: oggi per il Molise e i molisani sarebbe stato fondamentale ribadirlo formalmente con una chiara e netta presa di posizione che invece, purtroppo, non c’è stata”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings