Isernia Fc, Mingione verso il ritorno

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
[caption id="attachment_10599" align="alignleft" width="150"] Il logo dell'Isernia FC[/caption]

Sembra che qualcosa inizi a muoversi. Il sindaco Ugo De Vivo ce la sta mettendo tutta, e nelle ultime ore pare che si sia impegnato a tal punto che qualcuno pensa che possa diventare il primo tifoso della squadra biancoceleste, nel caso in cui continui ad esistere una società di calcio. Il presidente Gianni Monfreda, durante la giornata di ieri, è stato tartassato di telefonate, da parte soprattutto dei tifosi, che lo hanno ringraziato per l'impegno che, fino ad oggi, ha permesso all'Isernia Fc di continuare ad esistere. Ma ovviamente, non è abbastanza. Ciò che cerca il presidente del club pentro è altro: partecipazione attiva di tutta la cittadinanza e la classe politica, che per anni ha profondamente dormito riguardo a sport, sociale, cultura e tutto ciò che c'è attorno alla vita sociale attiva di una città che possa definirsi viva. Come del resto può definirsi tale la società, che sta cercando in tutti i modi di reperire le risorse necessarie per continuare con questa rosa un campionato che, sicuramente, potrebbe regalare moltissime soddisfazioni. Intanto pare che l'opinione pubblica si stia pian piano sensibilizzando: nelle ultime ore sui social networks sono tantissimi i post e gli argomenti che riguardano l'Isernia. Quelli che più hanno fatto piacere sono stati, ovviamente scritti dai giocatori che, anche se attualmente “svincolati”, aspettano ancora notizie confortanti dal club: Lunardo, Ruggieri, Palumbo, Varchetta e soprattutto capitan Panico, hanno dimostrato un attaccamento alla maglia ed un affetto verso la città, il presidente e la tifoseria a dir poco lodevole. Chi ultimamente sta dando un forte sostegno al presidente Monfreda, per ora solo a livello comunicativo, è Mimmo Cicchetti. Si spera che l'aiuto si trasformi presto in sostegno forte e reale, l'entrata in società di Cicchetti, soprattutto a livello gestionale (lui che per anni è stato presidente di una società di pallavolo in A2) darebbe una forte scossa all'ambiente. Un aiuto potrebbe venire anche dal direttore sportivo del Fornelli Diego Lombardi, che potrebbe suggerire alla società biancoceleste qualche giovane interessante che milita attualmente in eccellenza, visto e considerato il fatto che, negli ultimi due anni, ha portato il Fornelli tra le grandi del Molise. QUI LANCELLOTTA. Fusaro si è accasato, quindi, al Termoli. Non vogliamo certo essere maliziosi, ma qualcuno si chiede come mai, dopo la trasferta sull'Adriatico, al termine dei novanta minuti, l'unico a non salutare i tifosi sia stato proprio lui. Gli altri big sembra che siano intenzionati, a quanto pare, a scendere in campo anche domenica, per un ulteriore dimostrazione di attaccamento alla maglia e soprattutto perché fiduciosi che le cose finiscano bene. Intanto una trattativa è stata intavolata: il centrocampista Vincenzo Mingione, ex Isernia e ora in forza al Fornelli (leader indiscussa del campionato d'eccellenza molisana), secondo indiscrezioni sembra che sia interessato a ritornare alla corte di Monfreda. Staremo a vedere cosa succederà nelle prossime ore, perché come già detto in precedenza, senza certezze per il futuro, non si va avanti. L'INIZIATIVA DI ISERNIANEWS – Il nostro portale, intanto ha dato il via a un' iniziativa che mira a sensibilizzare la coscienza dei politici. L'iniziativa riguarda l'acquisto, da parte di ogni singolo consigliere, di un abbonamento dell'Isernia, quota 100 euro. Certo, 3.300 euro non risolleveranno il club, ma saranno sicuramente uno stimolo in più, per chi da troppo tempo trascura lo sport e tutto ciò che vi gira intorno, senza tenere in considerazione che si tratta di un veicolo sociale che se impostato bene, è capace anche di creare posti di lavoro e risollevare l'economia.

Paolo Fava

Pubblicato alle ore 00:01:20 

Change privacy settings