Isernia Fc al lavoro per la rinascita: si riparte da Panico e Mingione

Isernia Fc al lavoro per la rinascita: si riparte da Panico e Mingione

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
ISERNIA. La nuova società Isernia F.C. ha visto la luce e, per fortuna, questa volta non è stato un parto cesareo. Manca un mese esatto alla scadenza dell’iscrizione al campionato di Serie D e, a differenza degli ultimi anni, non si arriverà all’ultimo giorno con l’acqua alla gola. Quindi tutti i verbali di assemblea sono stati firmati: l’attuale situazione societaria sembra sia chiara ai fratelli Pagano, che hanno ritenuto tutte le condizioni favorevoli alla creazione di una nuova Isernia F.C., pronta a puntare in alto. Proprio così. Quest’anno la società pentra punterà almeno al piazzamento tra le prime cinque posizioni del girone. Uno spiraglio di luce sul capoluogo Isernino che tanto ha atteso, ma soprattutto meritato, una società di tutto rispetto. Tutto ciò, va ricordato, è merito soprattutto di Gianni Monfreda che negli ultimi anni ha saputo mantenere in vita la squadra di calcio. A tal proposito, Monfreda ci tiene a ringraziare tutte le attività commerciali che hanno contribuito, a vario titolo, a tenere in vita il progetto. L’imprenditore isernino, è certo, manterrà la carica di presidente. La compagine societaria e la rosa, invece, subiranno qualche rivisitazione: a guidare l’undici biancoceleste, infatti, sembra ci sarà Pasquale Luiso, classe ’69,  ex calciatore dal passato in serie A con le squadre del Torino, Piacenza e Vicenza. Nel 2010, Luiso, intraprende la carriera da allenatore con l’esordio a Sora, eccellenza laziale, raggiungendo la salvezza il primo anno e la promozione nel secondo. A guidare il club sul mercato sarà, secondo indiscrezioni, Gaetano Battiloro, esperto conoscitore del campionato di serie D. Per la carica di direttore sportivo, invece, sembra che la società voglia affidarsi a qualche giovane locale; circola nell’ambiente il nome di Diego Lombardi, attuale ds dell’ U.S. Fornelli che milita nel campionato di eccellenza molisana. Lombardi ha ottenuto negli ultimi due anni una salvezza e il piazzamento ai play off raggiungendo le semifinali nazionali; entrambi i risultati sono stati ottenuti con squadre molto giovani ma tecnicamente preparate. Nel progetto della nuova società, quindi, la valorizzazione delle risorse umane locali, sia esse nelle vesti di calciatori che di dirigenza societaria, sono a quanto pare punti fermi sui quali costruire il futuro. Monfreda, intanto, sembra abbia fatto presente alla nuova società tre nomi sui quali ripartire per il prossimo campionato: Nicola Panico, Vincenzo Mingione e Simone Calabrese. I primi due sono ormai volti noti a tutti i tifosi, in particolare Panico che, la per la causa biancoceleste darebbe l’anima, mentre Calabrese si è contraddistinto lo scorso anno per serietà e prestazioni. La tifoseria biancoceleste sarebbe contentissima di rivedere in biancoceleste i tre giocatori, e magari Panico di nuovo capitano. Per il settore giovanile i propositi sono più che buoni; l’intenzione è di portare avanti quanto di positivo è stato fatto lo scorso anno e di migliorare. Giuseppe Troiano verrebbe, a quanto pare, riconfermato. Ad assisterlo uno dei migliori talent scout del calcio italiano, con un passato nelle società di Cagliari, Parma, Chelsea, Valencia e Bologna, ex-secondo di Claudio Ranieri, Angelo Antenucci, che diverrebbe il responsabile tecnico di tutto il settore giovanile, a partire dagli “allievi”. Quindi, a conti fatti, la nuova società dovrebbe avere idee molto chiare e intenzioni molto serie. La prossima settimana si terrà una conferenza stampa di presentazione che, si spera, possa ricreare l’entusiasmo necessario affinché il progetto funzioni davvero. E non soltanto quello strettamente calcistico. In questo senso dovrá lavorare la nuova dirigenza. Le intenzioni sono quelle di creare, intorno alla squadra dell’Isernia Fc, una serie di iniziative ed attività che abbiano una ricaduta positiva sull’intero territorio, dirette non soltanto ai tifosi ma all’intera città. Una strategia di comunicazione pianificata, una campagna abbonamenti che preveda prezzi agevolati per anziani, disoccupati e giovani, il coinvolgimento di associazioni di volontariato ed associazioni di categoria. Sarebbe un primo passo importante nei confronti di tutti i cittadini.
Privacy Policy