Isernia Fc, tutto facile per l'Amiternina: 3-1

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Partita decisa già nel primo tempo. Tufano, Rima e Vitiello non convocati, la società vicina a un nuovo direttore sportivo

 

SCOPPITO (L'AQUILA). Tre giocatori non convocati (Tufano, Rima e Vitiello), il mister Mazzullo ancora a Catania, il vice Scagliarini sempre a fare da traghettatore e la salvezza che, di questo passo, pare lontana anni luce. Finisce 3-1, come da pronostici, la sfida tra gli aquilani dell'Amiternina e l'Isernia Fc, mai in partita e con il solo Panico troppo solo in avanti per impensierire gli avversari. Intanto la società sembra vicina all'accordo con un nuovo direttore sportivo: secondo indiscrezioni, si tratterebbe di Dino Pietrangelo, fino a pochi giorni fa al Bojano.

PRIMO TEMPO

2' . Conclusione diagonale di Pedalino, la palla lambisce il palo
9°. Dal limite Mariani colpisce in volè; Perrino viene richiamato da Scagliarini, al suo posto De Ianni.
11'. Vantaggio Amiternina. Punizione laterale da sinistra crossata da Loreta, Mariani di testa infila il gol dell' 1 a 0
21' diagonale rasoterra di Panico, Calvaresi con la punta delle dita manda in corner
28' Raddoppio Amiternina.  Calcio d'angolo di Torbidone, a centro area in tuffo, di testa, Lenart insacca
La prima frazione fisce con gli ospiti, mai pericolosi, frastornati per il doppio svantaggio.

 

SECONDO TEMPO


Subito un cambio per parte: per l’isernia esce Ballarano ed entra Licchelli, per l’Amiternina entra Bocchino per Valente
9' Terzo gol Amiternina. Gran destro di Pedalino che s'infila all'incrocio alla sinistra di Navarra: 3-0
12' Panico accorcia su rigore. Fallo in area di Nuzzo su Panico, calcio di rigore che l'attaccante trasforma: 3-1
19° Panico su calcio di punizione colpisce la traversa
25° gran parata di Navarra su conclusione di Torbidone
31° Amiternina vicina al quarto gol: colpo di testa a colpo sicura di Bocchino, l'estremo difensore ospite, Navarra, si salva ancora.

Il secondo tempo si conclude senza altre emozioni, con i biancocelesti che sprofondano sempre più in classifica, al penultimo posto con 6 punti insieme all'Angolana e davanti al solo Bojano, fanalino di coda con 4 punti.

 

Change privacy settings