Isernia Fc, missione titolo: delegazione incontra Battiloro

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cozzone, Pietrangelo e Favellato a Napoli per la riconsegna del riconoscimento sportivo: domattina alle 11.30 la fine, forse, della telenovela. Panico: assurdo da parte di qualcuno nascondersi dietro i contratti depositati in Lega, con 35mila euro si rileva la società per intero

 

ISERNIA. Forse stavolta la telenovela sta per finire. Poco meno di un'ora fa, da Isernia, sarebbe partita una delegazione per incontrare Gaetano Battiloro, attuale detentore del titolo sportivo dell'Isernia Fc. L'avvocato Michele Cozzone, il direttore sportivo in pectore Dino Pietrangelo e lo sponsor Vittorio Favellato: a loro il compito di convincere - dietro compenso di 15mila euro - l''ex vicepresidente della società a riconsegnare il titolo, definitivamente, alla città di Isernia. Dopo l'affondo di Nicola Panico, giocatore simbolo dei biancocelesti - impegnatosi in prima persona a raccogliere i soldi necessari per la trasferta di domenica scorsa a Scoppito, 960 euro in 18 ore - che aveva parlato di soggetti che "giocano a fare i buffoni sulla pelle dell'Isernia", qualcosa finalmente si è mosso.

[caption id="attachment_26658" align="alignleft" width="300"]Nicola Panico Nicola Panico[/caption]

L'attaccante aveva spiegato come il problema dei 161mila euro di contratti depositati in Lega che aveva spinto l'imprenditore Mimmo Cicchetti a tirarsi indietro non fosse reale: gli stipendi ai calciatori sono stati pagati fino ad agosto e alcuni hanno percepito anche la metà di settembre. Senza contare che la stragrande maggioranza dei contrattualizzati andrà via, secondo Panico, già a dicembre. Insomma, di quei 161mila euro, in realtà ne basterebbero 20mila, a suo dire, cui vanno aggiunti i 15mila chiesti da Battiloro come rimborso parziale della fideiussione da lui anticipata per l'iscrizione al campionato: un mezzo miracolo, per una società sportiva di serie D. Non tirare fuori somme del genere, a detta del bomber, sarebbe stata una pagina nerissima, per la città. E forse, anche grazie alla sua ferma presa di posizione, qualcuno è uscito allo scoperto. 

Change privacy settings