Isernia Fc, Mazzullo choc: “L’allenatore sono ancora io”

Isernia Fc, Mazzullo choc: “L’allenatore sono ancora io”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ISERNIA. Non c'è pace in casa biancoceleste in una delle stagioni più tribolate della sua storia. Dalla lontana Catania, anche Santo Mazzullo fa sentire la sua voce. Il tecnico siciliano, che ha allenato l'Isernia nel periodo che va da settembre a dicembre 2013, tramite un comunicato stampa inviato a questa redazione, dichiara di essere ancora legato alla società biancoceleste. "In riferimento alle dichiarazioni pubbliche fatte ieri in conferenza stampa da qualche calciatore - scrive Mazzullo - smentisco categoricamente di aver firmato alcuna liberatoria e che fino al 30 giugno 2014, con regolare contratto firmato il 16 settembre 2013, sono legato alla società Isernia Fc". Queste le testuali parole del tecnico siciliano che pur avendo lasciato il club circa tre mesi fa, continua a seguirne le vicende societarie. Evidentemente non gli sono andate giù le dichiarazioni rilasciate dai calciatori che proponevano l'autogestione per cercare di portare a termine il campionato. Gli atleti si sono detti disposti a firmare le liberatorie e a rinunciare ad una parte degli stipendi pur di saldare i debiti pregressi e salvare il titolo. E a questo punto viene da pensare che forse Mazzullo abbia qualcosa in sospeso con la società e che il suo contratto non sia mai stato onorato. Ricordiamo che il tecnico ha allenato l'Isernia nel periodo in cui al vertice c'erano l'imprenditore italo-canadese Saverio De Benedictis e il giapponese Kimitoshi Nogawa. Non essendo mai stato presentato ufficialmente un organigramma societario ed essendosi susseguiti un numero indefinito di personaggi che si sono autoproclamati presidenti, risulta difficile, anche per chi scrive, venire a capo di una situazione così intricata. Pare tra l'altro che anche il contratto con Giovanni Renna, tecnico voluto da Gaetano Battiloro, non sia mai stato rescisso. Ci poniamo quindi due interrogativi che se riuscissero ad avere una risposta certa, forse riuscirebbero a sbrogliare la matassa. Innanzitutto, a chi appartiene realmente l'Isernia calcio? E chi è il vero allenatore del club biancoceleste? Vorremmo finalmente vederci chiaro una volta per tutte, altrimenti l'Isernia rischia di diventare come il cubo di Rubik: un vero rompicapo.

Giu.Cri.

Privacy Policy