Calciomercato, Mariani vede favorito il Vastogirardi per la vittoria

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Clamorosa dichiarazione del presidente dell’Isernia Fc che attende direttive dal suo staff sulle scelte da fare. Panìco e Fontana al centro del mercato autunnale, contesi fra le “due sorelle” per puntare a vincere


Mercato di Eccellenza, prime voci. Il calcio dei Dilettanti è in fermento e i primi rumors già giungono prima delle liste di svincolo da presentare entro il 16 dicembre. Qualcosa di ufficiale già è arrivato, come il ritorno “a casa” dell’attaccante Perrella dal Vastogirardi al Bojano.

Vastogirardi già è all’opera da un bel po', a cominciare dalla ‘dipartita’ di Napoletano, rivelatosi incompatibile con l’ambiente gialloblù e al posto del quale la società ha iniziato a guardare all’usato sicuro. Il primo nome è stato quello di Nicola Panìco, a quanto pare corteggiato fortemente da mister Grossi in persona, che sembra abbia chiesto all’ex Macchia di sposare il progetto per puntare a vincere Campionato e Coppa. La qual cosa avrebbe inizialmente allettato Panìco, ma la società gialloblù non solo ha smentito il contatto ma avrebbe incontrato qualche difficoltà di assetto proprio con l’inserimento dell’attaccante del Venafro, visto che si renderebbe necessario l’innesto di un centrocampista di ordine in una linea a 4 oppure a 5 (2-3-1)  come il Macchia lo scorso anno. A tal proposito pare che Pasquale Fontana (Ercolanese serie D) sia stato contattato per rinforzare la mediana. Il Vastogirardi però cerca una punta; tre nel mirino del presidente Di Lucente, ossia  Contestabile, Capaccione - in entrambi i casi si tratterebbe di un ritorno di fiamma – o, più probabile, la punta del Guglionesi Montichiari. elemento che sta ben figurando coi neroverdi e che con Calcagni sarebbe l’elemento ideale per completare l’attacco.

 

Termoli attivo sul mercato. I giallorossi  puntano a rinforzare la rosa con una certa oculatezza in quanto l’eliminazione dalla Coppa ha la sua incidenza, dunque ci sarà una sfoltita, ma la dirigenza vuole puntellare l’organico soprattutto a centrocampo, dove fra i nomi in ballo spicca quello di Roberto Felici, mediano attualmente in forza al Mantova (serie D), che tornerebbe volentieri in Molise alla corte di Prècali, il quale dalla società avrebbe avuto ampie rassicurazioni sul progetto. La sensazione è che dopo la gara col Vastogirardi si decideranno le sorti del Termoli in questo Campionato.

Fabrizio Polzella, dato per partente dal Campobasso 1919, potrebbe restare in rossoblù. L’attaccante prese un accordo con la società fino a dicembre, momento nel quale le parti avrebbero optato per la lista di svincolo e valutato altre opzioni. Opzioni che inizialmente portavano Serracapriola (FG) per la Frentania, società con cui il giocatore avrebbe raggiunto un accordo di massima, ma negli ultimi giorni Polzella sarebbe stato stuzzicato dalla proposta del Gambatesa, la squadra di Roberto Barrea, che vorrebbe migliorare la classifica e ben figurare fino a fine stagione. Il Campobasso, tuttavia, ora non sarebbe intenzionato a rinunciare ai colpi del fantasista molisano, che in questa categoria ha sempre espresso numeri e un buon valore tecnico.

Isernia Fc in fermento. Già, i rumors sono iniziati già da un mese sottotraccia, anche a seguito di alcuni risultati clamorosi, in primis la eliminazione dalla Coppa e la sconfitta sonora col Vastogirardi in Campionato. Queste due varianti pesano e non poco sull’intera gestione, tutto sommato positiva a ben guardare la classifica. L’Isernia però non esprime il miglior calcio allo stato attuale, al cospetto di un Vastogirardi in palla e che macina punti e bel gioco ovunque. L’assenza di Di Matteo e ora anche di Iaboni ha un po' condizionato l’assetto dell’Isernia, che comunque non ha certo bisogno di questi alibi col potenziale che ha. Abbiamo anche ascoltato le parole del presidente Mario Mariani che afferma: “La vittoria col Riccia per 7-1 non fa testo e non è da prendere in considerazione – dice Mariani – certo il risultato andava fatto, ma il rendimento della squadra non è certo quello che mi aspettavo. Ho chiesto all’allenatore di farmi una lista dei partenti e di cosa ha bisogno per cambiare il trend – ammette il presidente – perché ad oggi io vedo l’Isernia resistere al passo del Vastogirardi, ma se penso a maggio ritengo che abbiamo il 70% di possibilità di ‘perdere’ il Campionato se restiamo così come siamo”.  Dichiarazione che ha del clamoroso, ma che racchiude una grande obiettività data dai fatti. Non basta strapazzare un avversario quasi inerme per affermare il proprio peso.

La società biancoceleste ha contattato Pasquale Fontana da tempo, ma per convincere il mediano ex Macchia occorrono condizioni che al momento non ci sono, sia come assetto sia come gestione generale. Il mediano campano ora è ad Ercolano in D e ha conquistato un posto da titolare, scendere di categoria dovrebbe essere per lui conveniente. Analogo discorso vale per Felice De Vizia, jolly difensivo in forza al Termoli, che al momento sarebbe ad hoc per una squadra che punta a vincere. Anche lui sarebbe al centro di una corte spietata da parte dell’Isernia con in testa l’allenatore, ma il Termoli non cede e più che altro anche per lui non ci sarebbero al momento le condizioni ambientali e gestionali per scegliere Le Piane. La gara col Vastogirardi in ogni caso sembra essere decisiva in tal senso. Nella lista dei partenti il primo a figurare è Di Baia, che pure era stato voluto fortemente dall’allenatore ad agosto, salvo poi relegarlo inspiegabilmente in panca e preferirgli Sabatino o Laurelli. Stessa sorte per Minichiello e altri juniores, che hanno avuto finora poco spazio. Il capitolo Contestabile si fa più delicato. Inizialmente la sua presenza appariva di troppo, in un assetto che lo vedeva sostanzialmente una seconda scelta. Poi il suo rendimento è mutato, chiamato in causa all’indomani del forfait di Di Matteo per infortunio. I 5 gol col Riccia non fanno testo, ma il suo peso in avanti sta rendendo, ecco perché la sua cessione complicherebbe i piani della squadra. Tuttavia l’attaccante vede il fantasma di Di Matteo aleggiare alle sue spalle e la proposta del Vastogirardi, seppur garbata, potrebbe allettarlo a optare per un ritorno in gialloblu.

Dp