L'Isernia Fc e l'avvio shock di campionato: tre gol anche dalla Sangiustese

L'Isernia Fc e l'avvio shock di campionato: tre gol anche dalla Sangiustese

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Padroni di casa piegati dai marchigiani per 3 a 2. Sotto di due gol già al 20', poi il rigore a favore ha riacceso le speranze solo per qualche minuto: gli ospiti hanno chiuso la prima frazione sul 3 a 1.
Buona la reazione nel secondo tempo, ma la forza degli avversari e le ingenuità difensive e a centrocampo hanno determinato il risultato finale.
Sconfitta resa ancora più amara dall'addio di Adelmo Berardo (GUARDA LE VIDEOINTERVISTE AGLI ALLENATORI)


di Valentina Ciarlante

ISERNIA. Per l'Isernia Fc doveva essere la partita del riscatto rispetto al tre a zero di Forlì invece, davanti a una buona cornice di pubblico, sono arrivati la seconda sconfitta consecutiva, altri tre gol subiti e le dimissioni dell'operatore di mercato Adelmo Berardo.
Un inizio di campionato shock per i biancocelesti, che rispecchia anche l'avvio del match disputato oggi in casa con la Sangiustese: padroni di casa sotto di due gol già al 20' e poco lucidi nel mantenere il temporaneo 1 a 2 arrivato dopo la realizzazione del rigore da parte di Marco Di Matteo.
I marchigiani hanno chiuso i giochi già dopo i primi 45 minuti, andando negli spogliatoi sul 3 a 1. Nel secondo tempo gli isernini hanno reagito e, con la complicità del calo fisico degli ospiti, hanno ulteriormente accorciato le distanze chiudendo la partita sul 2 a 3.
Delusione acuita da ciò che è accaduto al termine del match, quando il direttore tecnico ha abbandonato lo stadio con le dimissioni in mano.
I pentri però hanno mostrato cuore e grinta, ma evidenti disattenzioni e ingenuità hanno determinato questa ulteriore battuta d'arresto.
Ora li attende una settimana intensa con la trasferta di mercoledì a Recanati e la quarta di campionato in programma domenica prossima, 26 settembre, al Lancellotta contro il Santarcangelo.
Il tabellino

ISERNIA FC 2
SANGIUSTESE 3

ISERNIA FC: Landi, Del Prete (85’ De Vito), De Chiara (51’ Bilaj) Frabotta, Barretta, Di Lonardo, Gyabaa (75’ Palma), Fazio, Romano (51’ Iaboni), Vitale (59’ Cristiano), Di Matteo.  All.: Silva.
SANGIUSTESE: Chiodini, Marfella, Santagata (48’ Shiba), Patrizi, Perfetti, Scognamiglio, Pezzotti, Camillucci, Cheddira (86’ Calamita), Herrera (41’ Pluchino; 72’ Laringe), Argento (62’ Kamara). All.: Senigagliesi. 

ARBITRO: De Capua G. V. di Nola (Vitale–De Capua M.).
RETI: 13’ Pezzotti (S), 20’ Argento (S), 47’ (rig.) Di Matteo (IF), 48’ Cheddira (S), 87’ Iaboni (IF).
NOTE: ammoniti Landi (IF).

La cronaca
Massimo Silva come annunciato ha apportato delle modifiche all'undici titolare sceso in campo a Forlì. Contro la Sangiustese, Romano e il giovane Vitale hanno esordito dal primo minuto con Iaboni, Bilaj e Cristiano lasciati in panchina. Sorpresa anche per il nuovo arrivato Gyabaa Douglas Kwame, schierato da subito.
La prima azione è di marca biancoceleste. All’8’ Del Prete si invola sulla destra e lascia partire un destro che si schianta sull'esterno della rete. Dopo pochi minuti l'episodio che crea una svolta nella partita. È il 13' quando il portiere Landi stende un avversario che in solitaria stava entrando in area. Giallo all'estremo difensore e punizione per la Sangiustese. La punizione tirata da Pezzotti si infila nell'angolino destro della rete, nonostante la 'smanacciata' dello stesso portiere. Prova a rispondere l'Isernia con un colpo di testa di Romano che raccoglie un cross dalla destra, ma la palla termina alta.
Al 20' il raddoppio della Sangiustese: l'attaccante Argento sfrutta un rimpallo in mezzo all'area a punisce ancora Landi.
Successivamente è ancora il difensore Del Prete a tentare la reazione con uno stop di petto da posizione impossibile e la sfera si schianta ancora sull'esterno della rete avversaria. Ma la Sangiustese oltre a non concedere nulla in difesa è in palla anche in attacco. Cheddira corre in avanti, oltrepassa Landi ma manda fuori.
Angolo per l'Isernia al 35'. La palla va verso il secondo palo, Frabotta colpisce di testa ma Chiodini afferra senza problemi.
Al 47' arriva il rigore per i padroni di casa. Romano viene atterrato in area e Di Matteo dagli 11 metri non sbaglia e accorcia le distanze.
La rincorsa dura poco. Infatti nei minuti di recupero della prima frazione arriva il 3 a 1 della Sangiustese con Cheddira.
Nell'intervallo Silva striglia i suoi, a cui aveva chiesto più attenzione nel non prendere ancora gol e poi cambia alcune pedine, mettendo in campo Iaboni, Cristiano e Bilaj e infine Palma.
A inizio ripresa Di Matteo va vicino al 2 a 3, ma dal centro dell'area non trova la porta.
Dopo qualche minuto gli ospiti, calati vistosamente nella seconda frazione, cercano il poker: passaggio dalla sinistra di Cheddira per Pluchino che dal centro conclude verso la porta, ma Landi ci mette una mano.
Dopo un quarto d'ora Fazio dai 20 metri lancia una punizione che si spegne di poco alta sopra la traversa.
L'Isernia, dopo aver lasciato campo agli avversari, mostra la voglia di conquistare almeno il pareggio con diverse incursioni nell'area della Sangiustese e al 42' arriva il 2 a 3.
Di Matteo verticalizza in area e crea l'assist per Iaboni che insacca.
Nei cinque minuti di recupero però non riesce l'impresa del 3 a 3, nonostante l'Isernia reclami per un fallo da rigore (atterramento di Di Matteo) che non viene fischiato dall'arbitro.

GUARDA LE VIDEOINTERVISTE

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

Privacy Policy