Calcio a 5, l'isernino Fausto Scarpitti vola in serie A col Comprensorio Medio Basento

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'ex mister dell'Isernia Calcio a 5, con la quale aveva già centrato la promozione nella massima divisione, in due anni porta il comune lucano di Grassano dalla serie B alla A1: un successo centrato all'ultima giornata con un capolavoro, vincendo in trasferta lo scontro diretto con la seconda in classifica per 8-6


ISERNIA. È entrato ufficialmente nella storia del calcio a 5, con una doppia promozione in due anni che porta il comune di Grassano, 5mila abitanti, dalla provincia di Matera sul tetto più alto del futsal.

Fausto Scarpitti, ex tecnico dell'Isernia Calcio a 5, realizza un'impresa straordinaria alla guida del Comprensorio Medio Basento, formazione che ha centrato la promozione nella massima divisione di A1 all'ultima giornata, questo pomeriggio, in un epico scontro diretto con la seconda in classifica, distanziata di un solo punto. Un match vinto per 8-6 in trasferta contro il più quotato 'Sandro Abate', squadra di Pratola Serra (Avellino) che ha conteso la vittoria finale al Comprensorio Medio Basento, capolista per l'intero campionato, fino all'ultimo istante.

Un successo cha ha fatto esplodere di gioia i giocatori e i tanti supporters che avevano seguito i lucani in Campania per il big match, trasmesso in diretta social sulla pagina Facebook della Divisione di Calcio a 5. Grassano, dalla prossima stagione, sarà probabilmente il più piccolo comune italiano a disputare la A1 di futsal. Scarpitti, in soli due anni, è riuscito a centrare una storica e impensabile doppia promozione: day playoff di serie B alla A2, l'anno scorso, fino alla vittoria del campionato di oggi, da neopromossa, che lo consacra per le sue qualità tecniche e sportive, oltre che umane, da abile, umile e intelligente gestore dei giocatori quale si è sempre dimostrato. Accanto a lui, in questa cavalcata indimenticabile, anche i tre molisani Andrea Nardolillo di Venafro, Umberto Caruso di Campobasso e Manuel Ciampitti di Frosolone, ragazzi che il mister ha voluto portare con sè dopo la prematura conclusione dell'avventura isernina.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale