Isernia retrocessa, l'analisi di Biscotti: "Chiedo scusa per errori commessi in buona fede. Per il futuro io sono qui"

Isernia retrocessa, l'analisi di Biscotti: "Chiedo scusa per errori commessi in buona fede. Per il futuro io sono qui"

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

All'indomani dell'ultima giornata, che ha segnato l'epilogo amaro del campionato di serie D, il vice presidente del club biancoceleste tira le somme della stagione. "Riprenderei anche oggi Silva", ha dichiarato a IsNews. Sulla mancanza di partecipazione di altri imprenditori: "Non condanno nessuno, capisco il momento di difficoltà". Tra qualche giorno si comincerà a parlare di come proseguire, quindi bisognerà capire se ci sono i presupposti per avere ancora un ruolo attivo o se dialogare con altri per un eventuale passaggio di consegne


di Valentina Ciarlante

ISERNIA. La delusione c'è ed è forte, ma Piero Biscotti è un uomo abituato a lottare e non ha intenzione di tirarsi indietro rispetto alle critiche di una parte della tifoseria. Il giorno dopo l'arrivo del verdetto più amaro, il vice presidente dell'Isernia Fc non si sottrae all'analisi dell'intera stagione in serie D e sa benissimo che questo 'studio' contempla anche un'autocritica.
"Prendiamo atto degli errori, ma voglio sottolineare che sono stati commessi in buona fede", dice a IsNews all'indomani della retrocessione della sua squadra in Eccellenza, chiusura triste di una sola stagione in serie D. Quella categoria conquistata lo scorso anno contro ogni pronostico e con tenacia si è rivelata complicata da vivere. Perché le altre formazioni erano molto più attrezzate, come struttura e come disponibilità economiche, perché i partner che la società attendeva alla fine non sono arrivati e perché occorreva allestire una rosa con almeno tre pedine 'di peso'. Insomma sarebbe bastato poco per ottenere la salvezza, ovvero un'attenzione finanziaria, nemmeno troppo ingente, e un pizzico di entusiasmo da parte dell'intera città in più.
Certo, occorreva anche una figura che insieme a lui e all'allenatore desse una mano a scegliere ogni calciatore e con cui avere una visione d'insieme, ma evidentemente tutto dipende dal famoso budget e su questo aspetto il proposito era chiaro sin dall'inizio: "Non faremo il passo più lungo della gamba".
LA SCELTA DELL'ALLENATORE. Ex calciatore di serie A, allenatore d'esperienza che ha raggiunto risultati importanti, Massimo Silva ha sposato il progetto Isernia la scorsa estate e anche ieri, dopo l'amarezza per non aver ottenuto la chance dei playout, ha ribadito quanto abbia creduto in questa avventura. Eppure anche lui è stato messo in discussione da qualche tifoso. Com'è fisiologico, tutti sono finiti sul banco degli imputati e anche se Biscotti non replica alle polemiche scopiate sui social ammette che quella di Silva è stata la scelta più giusta che poteva fare, quella che rifarebbe di sicuro.
"Un professionista che per tutti è stato fondamentale", ha spiegato.
IL FUTURO. "È prematuro ora parlare di futuro - ha proseguito Biscotti -. Metteremo a posto le ultime cose a livello societario, dopodiché siamo disponibili a qualsiasi discorso, confronto, avvicendamento per fare sì che il progetto possa andare avanti".

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy