Il sogno olimpico si avvera: Maria Centracchio fantastico bronzo a Tokyo!

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

L'atleta isernina scrive il suo nome indelebile nella storia dei Giochi. Con lei più di tutti festeggiano il Molise e la sua città natale, risultato storico


TOKYO. Maria Centracchio scrive la più bella pagina dello sport molisano a livello individuale. La sua è l’impresa più grande di sempre. La prima donna molisana alle Olimpiadi è bronzo a Tokyo 2020 dopo una sfida dominata nel judo -63kg contro la forte olandese Juul Franssen, vinta dopo tre penalità al golden score, durato oltre 2 minuti.

Dalla piccola Isernia ai Giochi olimpici, Maria, 26 anni, atleta delle Fiamme Oro, è salita sul tetto del mondo da 27esima del tabellone, in una gara senza pubblico ma con il tifo nelle orecchie e nella mente: della sua famiglia, della sua Isernia, della sua Italia.

Il fisico della guerriera, gli occhi del samurai: anni e anni di lavoro, sacrificio, dedizione, rinunce, determinazione. Maria è tutto questo: come suo padre, Bernardo Centracchio, uomo che il judo lo ha nel sangue, come sport e come stile di vita. E che starà piangendo di gioia, come lei, che finita la gara, scoppia in un pianto liberatorio. Bronzo per lei, bronzo per Odette Giuffrida. Il judo italiano può festeggiare.

Ma più di tutti oggi festeggiano il Molise, Isernia, i Centracchio. Monumentale Maria: lei è la prova che nello sport, come nella vita, nulla è impossibile.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings