Febbre da lupi: oltre 4000 spettatori contro il Bari (e saranno di più)

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

 

Dopo il sold out della curva Scorrano è previsto l’arrivo di 571 tifosi  da Bari (al momento sono oltre la metà). Ancora centinaia di posti disponibili nell’anello inferiore della tribuna. Squadra: ballottaggio Magri-Menna in difesa.


di Maurizio Cavaliere

Tra 4000 e 4500 spettatori. Il trend dice che Campobasso-Bari, attesa gara delle nona giornata della serie C girone C sarà seguita da uno straordinario (per il contesto e la categoria) numero di spettatori. Complice l’arrivo della capolista, candidata numero uno all’approdo in serie B, la febbrile attesa nel capoluogo di regione molisano ha scatenato l’interesse per le gesta dei ragazzi di Cudini che stanno facendo grandi cose al primo anno di professionismo dopo tempo immemore.

Già dal pomeriggio di ieri si è saputo che la curva Scorrano, già curva Nord, è sold out. Così come stanno andando a ruba i biglietti per le tribune laterali. Invece nella centrale e in tutto l’anello inferiore della tribuna si sono ancora alcune centinaia di posti disponibili. E’ attualmente la parte bassa della tribuna il settore in cui ci sono più posti liberi, a parte il lato verso la Nord è tutto ancora da riempire.

Sarà massiccia anche la presenza di sostenitori baresi al seguito della squadra di Michele Mignani. In curva Sud, come ci hanno datto nel pomeriggio dalla società, sono stati venduti oltre 250 biglietti (ma stasera il dato è salito ancora) dei 491 disponibili ed è probabile che, domani sera, si arriverà a riempire il settore fino all’ultimo posto. Ai tifosi ospiti andranno anche altri 80 biglietti nella tribuna laterale Sud, alcuni dei quali destinati a persone accreditate vicine alla squadra. Di questi 80, mentre scriviamo, una quarantina sono già stati occupati.

Dei circa 5600 posti totali (al 75 per cento dell’attuale capienza totale di Selvapiana) sono finora stati superati i 4000 biglietti venduti e la richiesta non si è esaurita. Saranno dunque di più e sarà, questo è certo, degnissimo il colpo d’occhio domenica all’ora di pranzo.

Vista la prevista alta affluenza di pubblico la società rossoblù, ha appena reso noto che i cancelli verranno aperti alle 12.30. Si consiglia di arrivare in anticipo in zona stadio per facilitare le operazioni di filtraggio ed evitare assembramenti.

Per quanto riguarda l’accesso al parcheggio da parte dei tifosi rossoblù l’ingresso dei tifosi diretti in Curva Nord, da questa partita, avverrà esclusivamente dall’ingresso lato settore distinti. Il varco adiacente il settore tribuna non sarà più utilizzato per l’accesso alla Curva Nord. Il parcheggio antistante i Distinti sarà aperto per la sosta delle auto dei tifosi diretti in Curva Nord. Anche l’ingresso disabili avverrà con le stesse modalità. Gli ingressi Tribuna rimarranno invariati.

Tanta organizzazione a monte, dunque, e la squadra?  I lupi lavorano al freddo di Vinchiaturo con convinzione e grinta. Cudini proverà fino al’ultimo momento a portare in panchina il centrocampista Pietro Ladu. Il mancino di Ollolai, reduce dall’infortunio alla spalla, non ha ancora fatto il suo esordio in rossoblù e tra i professionisti. L’anno scorso è stato fondamentale nelle geometrie tattiche che hanno permesso al Campobasso si sbaragliare la concorrenza. Un metronomo, preciso e di spiccata personalità. Probabilmente Ladu non giocherà ma già se dovesse rivedere il campo e respirare l’atmosfera agonistica dei pro sarebbe una piccola conquista per lui e per i lupi.

Stanno meglio a tutti gli effetti Fabbriani e Menna: il primo ha recuperato bene dalla botta alla testa rimediata nella trasferta di Monopoli, il secondo ha smaltito l’acciacco muscolare, ma in questi casi, considerando anche il freddo, prevale spesso la prudenza. Quindi sembra più probabile che sul terreno di gioco scenda il campobassano Kevin Magri.

Il Campobasso è carico, il Bari pure. Da una parte e dall’altra c’è entusiasmo. Il Bari schiacciasassi parte con i doverosi favori del pronostico, il Lupo vuole invece essere all’altezza e giocarsela, come ha sempre fatto finora, anche quando i risultati non sono arrivati. Sarà anche la sfida tra due dei tecnici del momento: del preparato e già piuttosto saggio Cudini sappiamo quasi tutto, di Michele Mignani parlano le buone esperienze del recente passato, soprattutto l’ottimo campionato condotto l’anno scorso alla guida del Modena in serie C, poi eliminato dall’Albinoleffe ai playoff. Luigi e Aurelio De Laurentiis hanno puntato su di lui per fare quello che non gli è ancora riuscito: salire in serie B. Con gli enormi investimenti che hanno fatto non possono più sbagliare. 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

 

Change privacy settings