Calcio e Covid, in arrivo il nuovo protocollo per gli sport di squadra

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cosa cambia per l’isolamento e il tracciamento e a che condizioni verranno rimandate le partite


ROMA. La Conferenza Stato-Regioni ha messo a punto il nuovo protocollo anti-Covid, che prevede tutta una serie di novità sullo stop alle squadre nei campionati italiani. “Un punto di equilibrio ragionevole, a tutela sia del mondo sportivo che della salute pubblica”, ha commentato il ministro per gli Affari regionali Mariastella Gelmini. Un lavoro di concerto, effettuato in Conferenza con il ministro della Salute Roberto Speranza e la sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali. Nodo centrale quello sullo stop: il blocco dell'intera squadra con un numero di positivi superiore al 35% dei componenti del gruppo atleti. Ora il protocollo dovrà essere trasmesso al Cts prima di andare definitivamente in vigore.

Un altro punto importante riguarda l'isolamento per i positivi e i test continui per 5 giorni per i contatti ad alto rischio, con obbligo di mascherina Ffp2 se non si effettua attività sportiva, indipendentemente dallo stato vaccinale. Quanto ai contatti a basso rischio, sono da applicarsi le misure previste dalle indicazioni ministeriali, anche in relazione allo stato vaccinale. Nel testo, si insiste anche sulla necessità che per la sorveglianza siano utilizzati tamponi nel rispetto dei criteri definiti dal Ministero della Salute.

Questo nuovo documento si è reso necessario per evitare diversità di valutazione tra le diverse Asl e avere quindi un unico strumento valido per tutti gli sport di squadra, ed è stato studiato per avere regole sicure e condivise da parte di tutte le amministrazioni, centrali e territoriali, per garantire parità di trattamento e dare certezza al prosieguo delle attività sportive. Si tratta in ogni caso di misure temporanee, da adattare con gradualità agli diversi scenari e situazioni.

"In questi giorni - ha ricordato Gelmini nel corso della Conferenza con le Regioni - si sono svolti alcuni incontri e tavoli tecnici che hanno visto la partecipazione delle principali federazioni e delle varie componenti del mondo sportivo, per dirimere la questione relativa alle misure da applicare al mondo professionistico, onde assicurare la prosecuzione dei campionati, con norme chiare e uniformemente applicate dalle aziende sanitarie locali. A valle di questi incontri è stata raggiunta un'intesa sul documento che vi è stato trasmesso. Desidero - ha aggiunto - ringraziare tutti coloro che hanno partecipato a questo confronto in modo costruttivo, nella consapevolezza, che è comune, dell'importanza che riveste, anche da un punto di vista economico, l'intero movimento sportivo italiano. E tutto ciò a conferma della volontà del governo di mantenere alta la guardia contro il virus, senza però bloccare i campionati al pari delle attività produttive".

"Grazie al lavoro di squadra si è giunti ad un documento che consente di avere una procedura uniforme per tutte le autorità sanitarie locali e quindi di garantire il corretto e regolare svolgimento dei campionati". Così il sottosegretario Vezzali. "In attesa delle valutazioni del Cts, esprimo la soddisfazione per un risultato importante raggiunto attraverso l’ascolto delle esigenze del mondo dello sport, per il tramite delle Federazioni, che ha permesso di dare una risposta rapida a un'esigenza emersa dalle criticità vissute in questi giorni"

L'approvazione del protocollo con le nuove regole Covid per gli sport di squadra" è un risultato di cui siamo molto soddisfatti, frutto dell'ottimo lavoro svolto con le tutte istituzioni, in particolare col Governo, una collaborazione in cui da sempre si riconosce la nostra federazione", ha commentato il presidente della Figc Gabriele Gravina. "Il calcio ha bisogno di dialogo, di regole chiare e di responsabilità e il nuovo protocollo nasce su queste basi. Auspico che anche il Cts riconoscerà l'impegno e gli sforzi quotidiani del nostro movimento per la tutela della salute".

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings