Come smettere di fumare grazie alla sigaretta elettronica

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Smettere di fumare è molto difficile, soprattutto per i fumatori più incalliti. Concorrono a rendere così difficile smettere non soltanto la dipendenza da nicotina, ma anche una serie di gesti, di abitudini dure a morire che rendono quasi impossibile questo passo per chi non ha abbastanza forza di volontà per farlo.

Molte persone ricorrono per questo alla sigaretta elettronica, che sembra essere un validissimo alleato in questa battaglia contro il fumo di sigaretta tradizionale. Gli ecommerce di liquidi per svapo, nonché i negozi fisici, sono veramente tanti, e all’interno di essi è possibile trovare sia sigarette elettroniche che liquidi per ogni gusto e preferenza.

Ma in che modo una sigaretta elettronica aiuta a smettere di fumare? Vediamolo subito insieme nei prossimi paragrafi di questo breve articolo.

In che modo la sigaretta elettronica aiuta a smettere di fumare?

Per trovare la risposta a questa domanda bisogna innanzitutto capire in che modo il fumo della sigaretta tradizionale crea dipendenza. La parola chiave, o meglio la sostanza chiave, è la nicotina. Questa è infatti una molecola molto potente, in grado di indurre una fortissima dipendenza sia fisica sia mentale nel nostro organismo.

Infatti questa agisce sia a livello cerebrale sia a livello fisico, inducendo un certo senso di rilassatezza che viene costantemente ricercato dal fumatore incallito. Inoltre la gestualità della sigaretta tradizionale gioca un ruolo fondamentale sia nel cominciare a fumare sia nella dipendenza stessa.

Nei decenni passati, infatti, la sigaretta veniva ricoperta di fascino, era costantemente tra le dita di divi del cinema e icone mondiali, e l’atteggiamento che ne derivava portava molte persone, giovani e meno giovani, a cominciare a fumare. Inoltre alla sigaretta sono legate una serie di abitudini sociali molto radicate.

Abbiamo infatti la pausa sigaretta a lavoro, la sigaretta dopo il caffè, quella fumata tra amici al di fuori dei locali la sera ecc. E come può una semplice sigaretta elettronica avere il potere di contrastare tutto questo’

I meccanismi utilizzati dalla sigaretta elettronica per combattere questa dipendenza sono vari e molto ben pensati. Abbiamo infatti:

  • La possibilità di scegliere la quantità di nicotina presente all’interno dei liquidi da svapo. Sappiamo bene che smettere di assumere nicotina da un giorno all’altro è difficilissimo, infatti subentrano subito i fastidiosi e dolorosi sintomi dell’astinenza, che vanno dal nervosismo al fastidio e dolore fisico.

Con la sigaretta elettronica questi sintomi possono essere evitati, proprio perché è possibile partire da liquidi che hanno un concentrato di nicotina uguale o comunque di poco inferiore a quello delle sigarette normali. Da questi si può poi passare a concentrazioni di nicotina man mano sempre più basse, fino a passare ai liquidi che ne sono completamente privi.

in questo modo il passaggio dal fumare sigarette tradizionali al non fumare affatto è meno traumatico e più graduale, e diventa quasi completamente indolore.

  • La gestualità rimane pressoché invariata. Infatti il gesto dello svapo è molto simile a quello del fumare normale. Lo svapatore, così come il fumatore, aspira e successivamente butta fuori il fumo, o meglio il vapore, proprio come si fa con una sigaretta normale.

La differenza sostanziale sta nel come viene prodotto il fumo. Infatti nella sigaretta tradizionale il fumo deriva dalla combustione del tabacco e della carta che lo avvolge. In questo modo non solo vengono sprigionate le sostanze nocive che sono già di base presenti nei vari componenti della sigaretta elettronica, ma se ne vengono a produrre anche di aggiuntive proprio a causa della combustione.

Il vapore che invece viene emesso dalle sigarette elettroniche deriva dal riscaldamento del liquido in essa contenuto, operato da un atomizzatore ricaricabile a batteria. Il vapore ha quindi una base prevalentemente acquosa, che non è nociva e non è irritante per il nostro organismo, così come si può evincere da una serie di studi scientifici condotti sull’argomento e consultabili su siti appositi.

Di conseguenza il gesto è conservato, così come le abitudini che ne derivano a cui abbiamo accennato sopra, ma il meccanismo alla base è completamente diverso e molto meno dannoso per la nostra salute.

I vantaggi dello smettere di fumare

Il fumo tradizionale è un nemico giurato della nostra salute e del nostro benessere. Sappiamo infatti bene, ormai da molti anni, tutti i danni che apporta dapprima al nostro sistema respiratorio, ma anche a tutto il resto dell’organismo: tumori, difficoltà respiratorie, perdita di gusto e olfatto, calo delle prestazioni fisiche ecc.

Quando si passa da una sigaretta tradizionale a una sigaretta elettronica e da questa poi al non fumare affatto, si notano dei miglioramenti radicali in moltissimi ambiti.

Innanzitutto l’apparato respiratorio comincia a purificarsi. Infatti inizialmente gli svapatori possono andare incontro ad un periodo in cui fanno molta tosse e producono molti muchi. Questo perché il vapore agisce quasi da pulitore, e quindi il polmone elimina le scorie e i muchi che ha accumulato negli anni.

Dopodiché l’ex fumatore comincerà a notare un miglioramento nella respirazione e nelle prestazioni fisiche, in quanto i problemi di fiato corto andranno via via scomparendo. Anche il gusto e l’olfatto torneranno quelli di prima, spariranno le macchie gialle da denti e dita ecc.

Insomma passare alle sigarette elettroniche non può fare altro che migliorare la qualità della vita di un fumatore. L’importante è utilizzare sempre prodotti sicuri e di qualità, come ad esempio quelli che si possono trovare sull’ecommerce di Terpy.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings